fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Featured

Dalle priorità in città al rilancio di un nuovo Centro nazionale: le sfide future di Mastella

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Ad una settimana dal primo consiglio comunale che tecnicamente ha dato inizio al Mastella bis, la maggioranza e lo stesso primo cittadino si trovano a dover fare i conti con una minoranza che sicuramente ha mostrato sin da subito di non restare di canto, di non stare a guardare ma, anzi, di esercitare ad ampio raggio quel potere che una parte dell’elettorato le ha delegato all’esito del ballottaggio.

Sono già arrivate, infatti, sollecitazioni sulla presunta contraddizione tra tariffe troppo alte per la spazzatura e la pulizia della città, sul ripristino della commissione di controllo sul servizio della mensa scolastica, sul ritardo della riapertura di alcuni plessi scolastici chiusi per motivi di sicurezza e sulla sicurezza in generale degli edifici scolastici di competenza comunale come degli impianti sportivi per garantire la vivibilità e l’agevole esercizio del diritto allo studio di una fetta della popolazione in età scolare, sul degrado e sull’abbandono di alcuni quartieri popolari della città.

Tematiche che sono state anche al centro della campagna elettorale del sindaco riconfermato, come anche tutte le questioni legate alla vivibilità nelle contrade dai cui residenti il primo cittadino ha riscontrato il forte consenso al secondo turno. Ma pungoli costanti sono arrivati anche sulla vicenda dell’Osl e del dissesto.

Se da un lato, dunque, la volontà di esercitare il proprio ruolo senza veti di sorta la minoranza l’ha espressa largamente in tutta la sua variegata formazione dei consiglieri di ApB, di Civico22 e di Prima Benevento – quest’ultima con Rosetta De Stasio capogruppo che sin da subito ha acceso i riflettori, trovando concordi sulla questione anche i suoi colleghi di scranno, sulla inderogabilità dell’ascolto dell’opposizione e della discussione consiliare sui punti all’ordine del giorno – dall’altro è anche vero che servono tempi tecnici per conseguire gli obiettivi.

Va da sé che le aspettative anche dei cittadini sono riposte in quel “contratto sociale” – che ricorda J. Rousseau – che porta gli elettori a confidare che siano rispettate e concretizzate quelle cosiddette promesse elettorali relative a ciò che da più parti vengono riconosciute come priorità inderogabili.

Una rinnovata fiducia dei cittadini che dovrebbe trovare risposta concreta nel riconoscimento di quel rinnovato consenso e che dovrebbe spingere l’amministrazione Mastella bis a mettere subito mano – o quantomeno in tempi brevi – alle ataviche questioni che riguardano una normale e ordinaria vivibilità – e non solo nelle contrade – che spesso, invece, ha preso le sembianze di una risorsa inaccessibile alla maggior parte dei cittadini. Una normale vivibilità che non è affatto banalità del vivere quotidiano, ma anzi la garanzia di una certezza e di un ordine nel gran caos della complessità contemporanea che, di certo, non risparmia una città medio-piccola come Benevento.

E lo abbiamo visto, ad esempio, con l’emergenza sanitaria da Covid 19 che certo non è finita e che richiede ancora una costante attenzione e una costante lavoro per evitare il collasso socio-economico.

Non è stata certo casuale la presenza del primo cittadino Mastella all’assemblea dell’Anci di qualche giorno fa alla presenza del premier Draghi a Parma per un impegno sinergico tra sindaci e Governo orientato alla nuova fase di crescita e di rilancio attraverso le risorse del PNRR, a quello, cioè, che il sindaco di Benevento ha definito “uno sforzo comune di rinascita delle nostre comunità”.

Sul tavolo della rinascita sono molte le questioni, ma servono i progetti per ottenere i finanziamenti e, quindi, serve un’accelerazione in questo senso ora più che mai; urge un impegno concreto che tenga conto delle vere esigenze della città e sia scevro dal clima di campagna elettorale permanente, considerato che il 2021 sta per terminare e ci sono cinque anni per concretizzare una nuova fase di sviluppo.

Se da un lato, dunque, bisogna tenere alta l’attenzione sull’aspetto sanitario e sulla prevenzione dei contagi, dall’altro è necessario partire anche con piccole azioni amministrative per provare a dare in questo scorcio di anno una rinnovata speranza all’economia locale: un’occasione è l’imminente periodo natalizio che potrebbe diventare un banco di prova di quanto si dovrebbe fare attraverso una visione di città e una prospettiva di medio-lungo periodo.

Probabilmente questa potrebbe essere la fase giusta per la vera costruzione di una continua e costante sinergia tra associazioni di categoria e amministrazione che pure spesso negli anni addietro è stata invocata e in parte realizzata in occasione delle festività natalizie, salvo decadere passato il periodo festaiolo.

E tutto questo potrebbe e dovrebbe conciliarsi largamente anche con la rinnovata azione interamente politica che Mastella ha annunciato di intraprendere a livello nazionale, quale è la costruzione di un nuovo centro in vista della quale è in via di preparazione una convention per il 4 dicembre prossimo.

Il contrario, ovvero l’assecondare le proprie mire politiche nazionali e la propria ambizione a esserci come “punto di riferimento” di un nuovo moderatismo tralasciando gli impegni presi con il suo popolo, potrebbe dare ragione a chi tra la minoranza consiliare ha già interpretato questa scelta del riconfermato sindaco come il suo vero e mero obiettivo.

Annuncio

Correlati

redazione 12 ore fa

Autonomia differenziata, Mastella: “Plauso a chi nel centrodestra ha anteposto il territorio al partito: ognuno si assumerà le proprie responsabilità politiche”

redazione 14 ore fa

Anche via Aldo Moro senz’acqua, il gruppo Pd: “Gesesa ha avvisato in ritardo, tanti i disagi”

redazione 16 ore fa

Benevento, il primo luglio al via i lavori di ristrutturazione dell’immobile che ospita la casa albergo San Pasquale

redazione 2 giorni fa

Asia e Comune: da mercoledì si riavvia il lavaggio delle strade cittadine

Dall'autore

Angelamaria Diodato 2 anni fa

Musica oltre gli ostacoli: la sfida di Bianca, giovane compositrice non vedente

Angelamaria Diodato 3 anni fa

Covid, nel Sannio poche informazioni sul numero dei contagi: dove sono finiti i bollettini dell’Asl?

Angelamaria Diodato 3 anni fa

Quel vizio alla comunicazione politica demagogica e al ribasso che riduce l’elettore a seguace di antiche pulsioni

Angelamaria Diodato 3 anni fa

Campagna elettorale agli sgoccioli. Scenari di voto nell’incognita della frammentazione pentastellata

Primo piano

redazione 19 minuti fa

Wg flash 24 del 20 giugno 2024

redazione 12 ore fa

Autonomia differenziata, Mastella: “Plauso a chi nel centrodestra ha anteposto il territorio al partito: ognuno si assumerà le proprie responsabilità politiche”

redazione 16 ore fa

Benevento, il primo luglio al via i lavori di ristrutturazione dell’immobile che ospita la casa albergo San Pasquale

Antonio Corbo 17 ore fa

Agricoltura, alla Rocca l’audizione della commissione Aree Interne: “Lavoriamo per una legge a tutela del territorio”

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content