fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Salute

In Campania ogni anno 21mila nuovi casi di tumore

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

21mila nuovi casi all’anno, 12.300 morti e una spesa di 362 milioni di euro: sono alcuni dei dati che descrivono l’incidenza dei tumori in Campania e che sono stati illustrati, oggi alla Fondazione Pascale, nel corso di un convegno sulle politiche intersettoriali. Esaminando l’intero contesto italiano, così come ha fatto l’epidemiologo Giuseppe Costa, dell’Università di Torino, è possibile riscontrare differenze tra Nord e Sud del Paese e "queste differenze geografiche coincidono con le differenze sociali".

L’interconnessione tra ecomafie e incidenza tumorale dimostra poi l’importanza del "contesto, che se è positivo aiuta a curarsi meglio", ha sottolineato il ministro per la salute Renato Balduzzi, dal quale arriva l’invito a "ogni cittadino "a condurre una vita più salutare e a chiedere più salute in tutte le politiche sociali, ambientali e urbanistiche".
Da qui nasce, secondo gli addetti ai lavori, la necessità di pensare a meccanismi che richiamino alla programmazione intersettoriale. L’idea sulla quale la Campania sta già lavorando è quella di "mettere in rete il sistema oncologico – ha spiegato il presidente della Regione, Stefano Caldoro – creando una struttura globale che permetta di risolvere le criticità e difendere le eccellenze come il Pascale".

Per Costa, le differenze tra Nord e Sud possono essere spiegate anche da una "maggiore concentrazione di povertà nel Mezzogiorno, ma anche da una minore capacità dei soggetti responsabili delle politiche sanitarie in questa parte del Paese di moderare questo effetto sfavorevole".

Al Sud Italia si vive meno e si vive peggio. E le cose non vanno meglio se si ha la sventura di ammalarsi. Numeri alla mano, la sopravvivenza a patologie gravi, per esempio quelle cancerogene, è minore nelle regioni meridionali rispetto a quelle del Nord. E per la Campania anche un triste primato: la maglia nera per la regione con minore speranza di vita alla nascita per le donne.

"Le aree più colpite – dice il manager del Pascale, Tonino Pedicini – sono quelle con più degrado e più delinquenza dove é maggiore anche l’inquinamento ambientale. E oltre a questo aumento c’é da sottolineare che sono troppe le persone che ancora non accedono alle cure".
 
Per quanto riguarda i fattori di rischio, i residenti in prossimità di siti inquinanti al Sud sono quasi 3 milioni e cinquecentomila persone, mentre al Nord sono 1 milione e cinquecentomila e al Centro poco più di seicentomila. La Campania è prima per percentuale di bambini obesi e in sovrappeso, e sono tutte del Centro-Sud le prime otto regioni di questa classifica. La Campania è seconda per percentuale di persone sedentarie, dietro la Basilicata, e seguita in classifica da altre cinque regioni del Centro-Sud, ed è seconda anche per percentuale di diabetici, assieme alla Calabria, ancora una volta dietro la Basilicata, e, anche in questo caso, alle spalle in classifica altre cinque regioni del Centro-Sud.

"Ci candidiamo per creare in Campania il registro tumori che in regione ancora manca e che da  tempo c’é già in altre realtà del Paese". A lanciare la proposta e il direttore generale dell’Istituto oncologico ‘Pascale’ di Napoli, Tonino Pedicini, durante il convegno di oggi dedicato al cancro.  Pedicini ha sottolineato che al Pascale ci sono tutte le attrezzature e le professionalità adatte per assolvere a questo incarico così importante per la salute dei cittadini campani e che quindi "basta avere l’autorizzazione, da parte della Regione, per accedere ai dati".

Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, presente al convegno di oggi, ha accolto con favore la proposta di Pedicini. "Ne possiamo parlare – dice Caldoro – Abbiamo in previsione l’organizzazione del registro, ci stiamo lavorando e possiamo sicuramente considerare e integrare la proposta del Pascale".

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 1 mese fa

Pietrelcina, il 26 maggio torna la fiaccolata per i malati oncologici

redazione 4 mesi fa

‘Nanofotonica e Intelligenza Artificiale: sinergia efficace per diagnosticare più velocemente i tumori’

redazione 5 mesi fa

ANPCI Campania in linea con la presidente nazionale Biglio: ‘Ripristinare immediatamente il sistema Smart Cig’

redazione 5 mesi fa

G7 in Irpinia, il presidente regionale Acli Filiberto Parente: “Opportunità per le aree interne della Campania”

Dall'autore

redazione 7 ore fa

Coppia di San Giorgio del Sannio gioca ad ‘Affari tuoi’, ma non rischia: accetta 20mila euro, ma nel suo pacco c’erano i 300mila

Antonio Corbo 9 ore fa

Benevento, il ritorno del ministro Sangiuliano: “Sul Museo Egizio pronti a nuovi finanziamenti”. I dubbi di Viespoli: “Seguirei altra strada”

redazione 10 ore fa

Grandinata su Castelvenere: danneggiati 100 ettari di vigneti. Sindaco chiede riconoscimento stato di calamità naturale

redazione 10 ore fa

Al via la II annualità del Fondo di Sostegno ai Comuni Marginali: pronto il bando a Cerreto Sannita

Primo piano

redazione 7 ore fa

Coppia di San Giorgio del Sannio gioca ad ‘Affari tuoi’, ma non rischia: accetta 20mila euro, ma nel suo pacco c’erano i 300mila

Antonio Corbo 9 ore fa

Benevento, il ritorno del ministro Sangiuliano: “Sul Museo Egizio pronti a nuovi finanziamenti”. I dubbi di Viespoli: “Seguirei altra strada”

redazione 10 ore fa

Grandinata su Castelvenere: danneggiati 100 ettari di vigneti. Sindaco chiede riconoscimento stato di calamità naturale

redazione 11 ore fa

Firmato accordo tra Comune, Ministero, Regione e Provincia: è il passo che conduce alla nascita del Museo Egizio a Benevento

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content