fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Comune di Benevento

Piazza di degustazione e filiera delle eccellenze, eventi, co-working e alloggi: ecco cosa diventeranno Malies e Orsoline

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Nella tarda mattinata di oggi l’amministrazione comunale di Benevento ha dato l’ok al progetto di fattibilità tecnico-economica in merito alla riqualificazione funzionale, energetica ed adeguamento sismico degli immobili “Ex Orsoline” e “Mercato Commestibili – Galleria Malies” – Progetto BENLlab – Benevento Living Lab – Urban Center di Benevento”.

Un intervento da quasi 16 milioni di euro – definito dall’assessore Pasquariello ‘uno dei progetti più qualificanti dell’Amministrazione Mastella’ – che rientra nel Pinqua, il Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

L’obiettivo è quello di realizzare un Urban CenterBENLlab – progettato dallo studio dell’architetto beneventano Saverio Parrella – per favorire la condivisione e collaborazione in rete fra realtà produttive e Pubblica Amministrazione, centri di ricerca, incubatori e soggetti pubblici e privati che operano a supporto delle imprese, in un’ottica di “economia collaborativa” al fine di potenziare l’intera filiera di produzione, consumo e distribuzione del valore.

Come già raccontato nel marzo 2021 da Ntr24, si tratterà di una innovativa cittadella della cittadinanza volta ad attuare un modello nuovo dell’abitare in cui la tradizionale e vetusta separazione funzionale è superata con un approccio che connette l’abitare e la sfera dei bisogni in un’ottica di progetti di vita complessivi.

Per il complesso delle “Ex Orsoline” il progetto prevede la realizzazione agli ultimi due piani di alloggi per edilizia residenziale sociale, ossia iniziative e programmi che offrono alloggi e servizi di qualità a canoni accessibili anche a chi si trova in una situazione di vulnerabilità economica e/o sociale a causa della quale non riesce ad accedere al mercato privato della casa, mentre per il piano terra saranno allestiti spazi aperti fluidi e modulabili specificatamente dedicati alla “contaminazione funzionale” tra le realtà istituzionali, le organizzazioni rappresentative delle realtà produttive e i giovani studenti/laureati/dottorandi interessati al mondo dell’innovazione, della ricerca e dell’impresa. Troveranno spazio: bookshop, deposito bici, cinema di vicinanza, sala didattica, giardino con pannelli fotovoltaici.

Per il Mercato Commestibili – Galleria Malies, in linea con l’indirizzo programmatico già assunto dall’Ente, si provvederà anche al completamento della cosiddetta “Filiera delle Eccellenze del Territorio”, ovvero un ecosistema funzionale che unisca la commercializzazione dei prodotti enogastronomici di qualità con attività per la loro valorizzazione e innovazione e consenta l’avvio di percorsi di sviluppo di idee imprenditoriali anche in un’ottica di sostenibilità e compatibilità ambientale. Anche qui spazio a: Fab Lab (prototipazioni); sala stampanti; dimostratori tecnologici; aree di scambio e interazioni.

Diversi, infatti, gli obiettivi dell’UrbanCenter che abbraccerà le due strutture: sarà archivio digitale, favorendo dialoghi pubblici e tavole rotonde; si occuperà di economia collaborativa e social housing, oltre a coproduzione della decisione e intelligenze collettive.

 Curerà e ospiterà nei propri spazi anche un archivio cartografico e digitale ed una mostra permanente che racconta i principali progetti di rigenerazione in corso e in programma in città nonché le politiche urbane legate all’ambiente e alla mobilità, alla promozione territoriale e alla valorizzazione urbana, alla città digitale. Sarà luogo di incontro, scambio, confronto fra il mondo imprenditoriale, quello della ricerca e vetrina urbana per lo sviluppo scientifico ed economico. Attraverso una piattaforma web e altri applicativi integrati, proverà anche a potenziare l’interazione di ICT di cittadini e imprese.

Oltre all’attivazione di residenze temporanee ed a uso rotativo, poi, l’area ospiterà e organizzerà eventi di diverso genere: concerti, incontri, presentazioni, workshop, convegni, corsi, proiezioni, assemblee e conferenze stampa. Non solo: organizzerà campagne, iniziative ed eventi sul territorio in stretta collaborazione con i partner del Programma, con i Quartieri e altre istituzioni pubbliche e private e promuoverà laboratori di co-progettazione e innovazione, coinvolgendo e valorizzando le diverse competenze caratteristiche del territorio sannita, per sviluppare e raccogliere proposte di nuove idee e nuove soluzioni.

Le attività laboratoriali saranno declinate sia su luoghi in trasformazione (ad esempio la destinazione d’uso di edifici e il Bilancio Partecipativo) sia su temi di interesse cittadino (ad esempio mobilità, qualità dell’aria, gestione degli spazi pubblici, ecc.), in un’ottica che intende essere sempre più orientata non solo all’ascolto e alla collaborazione reciproci, ma anche alla concretizzazione di vere e proprie forme di coproduzione della decisione sulle politiche pubbliche tra Amministrazione e cittadini.

IL MALIES – Il mercato ortofrutticolo riprenderà, dunque, pienamente la sua funzione e rivivrà protetto dalle intemperie. Al di sotto una nuova iconica piazza pubblica verrà definita da una copertura vetrata che aumenterà notevolmente l’area di sosta, fondamentale per accogliere i visitatori ed i clienti degli esercizi commerciali che potranno utilizzare la nuova piazza in tutta la sua ampiezza senza soluzione di continuità e lo spazio sottostante al riparo della variabilità delle condizioni meteo.

Inoltre, la copertura vetrata valorizzerà i reperti archeologici sottostanti permettendone la visione ed assicurando aria e luce alla piazza che li circonda, permettendone l’uso nelle diverse ore della giornata come scandita dagli eventi e dalle attività degli esercizi commerciali previsti. Una esperienza integrata nell’attuale sistema di flussi e connessioni, che partirà dallo slargo prospiciente via G. Rummo e culminerà nel nuovo spazio immersivo creato dal piano terra e da quello sottostante. 

LA PIAZZA – La riqualificazione ed il recupero funzionale della Piazza avranno l’obiettivo di farne un efficiente connettore urbano e sociale, capace di offrire alla città nuovi spazi di incontro e socialità, attraenti e accessibili per tutti. Il senso dell’intervento si muoverà tra recupero architettonico, funzionale e culturale degli edifici e della piazza esistenti e innovazione per farne un centro di ampio respiro che possa diventare un vero e proprio “stabilimento pubblico di cooperazione culturale, enogastronomica e commerciale”. Negli ultimi decenni molti mercati in Europa, a seguito della loro rigenerazione, sono diventati strumenti di crescita delle economie locali, favorendo inoltre lo sviluppo socioculturale della realtà̀ urbana in cui si inseriscono, grazie all’applicazione di buone pratiche per la creazione di nuovi stili di vita compatibili con la sostenibilità̀ e la creazione di posti di lavoro. In questo caso specifico, salvaguardare la vocazione storica di mercato alimentare del Malies ed insieme assecondare il suo indirizzo di piazza di “degustazione” e di “incubatore del gusto” attraverso la sua trasformazione in un luogo da vivere lungo tutta la giornata, modificherà questo pezzo di città in un complesso integrato di interesse pubblico ed urbano oltre che, naturalmente, turistico che possa contribuire ad innescare o a supportare lo sviluppo di cui la città è̀ in questo senso attualmente necessitante. 

Il Malies diventa così piazza di degustazione e divulgazione della cultura gastronomica locale e delle eccellenze del territorio. Tale percorso passa attraverso la creazione di nuovi servizi agli utenti ed agli esercenti e di un piano di riorganizzazione commerciale collegato al recupero architettonico degli spazi pubblici e commerciali esistenti. Uno dei criteri fondamentali su cui fare leva esarà quindi quello di vivificare l’area oltre gli orari consueti di apertura mattutina e pomeridiana e riutilizzare gli spazi liberi del mercato anche per attività̀ culturali diversificate, quali concerti, rappresentazioni e manifestazioni varie. L’area della piazza è pensata come spazio flessibile, capace di adattarsi alle diverse esigenze in loco. La flessibilità, intesa come l’attivazione dello spazio in maniera differente nell’arco della giornata, durante il mese, e secondo un programma annuale di eventi.

GLI ALLOGGI – La realizzazione degli alloggi – con ingresso da via Lucarelli – renderà disponibili abitazioni con differente numero di componenti e accoglierà una grande varietà di persone: anziani e anziani soli, immigrati, italiani, persone seguite dai servizi sociali, diversi livelli culturali. Questa diversità e il fatto che saranno «nuovi» rispetto al contesto, sono per l’ambito, una ricchezza visto che da punti di vista diversi potranno nascere idee diverse e anche attivazioni diverse, con la prospettiva di poter assumere impegni concreti e precisi per il bene comune o per il reciproco sostegno.

In questo modo i due fabbricati – Malies e Orsoline – si presteranno alla realizzazione di un’esperienza innovativa di vicinato solidale fra servizi diversi, residenziali e diurni, fra famiglie, nuclei fragili, disabili, giovani volontari, attraverso l’accoglienza ed il mutuo aiuto come stile di vita. La finalità è quella di promuovere nel tempo relazioni di mutualità, di comportamenti di reciprocità anche dall’esterno verso l’interno e viceversa al fine di favorire l’integrazione e l’inclusione sociale. Il mix funzionale rappresenta un ulteriore valore aggiunto nella determinazione di un laboratorio sociale inteso come fattore esperienziale di crescita collettiva attraverso la somma delle azioni individuali. 

Annuncio

Correlati

redazione 1 mese fa

Lavori alla Galleria Malies: tratto di via Torre della Catena chiuso al traffico dal 22 al 24 gennaio

redazione 2 mesi fa

Festival della Rigenerazione urbana, delegazione da Palazzo Mosti a Roma

redazione 3 mesi fa

Benevento, ok al progetto di fattibilità tecnico-economica per ex Malies ed ex Orsoline

redazione 3 mesi fa

Malies, vittoria del Comune in Tribunale: respinta domanda risarcitoria e atti trasmessi alla Corte dei Conti

Dall'autore

Giammarco Feleppa 14 ore fa

Come sarà l’area dell’ex scuola Sannio? Spazi verdi per orti sociali e un locale per le associazioni

Giammarco Feleppa 1 settimana fa

Palazzo Mosti ci riprova: c’è il bando per la concessione dei locali della Villa Comunale

Giammarco Feleppa 1 settimana fa

Fondò asilo suore e si prodigò durante il colera: le spoglie dello storico parroco Pasquale Mazzeo tornano ad Apollosa

Giammarco Feleppa 2 settimane fa

Benevento, Parco Verde ‘De Mita’ verso l’aggiudicazione: c’è un progetto in ballo valutato da Palazzo Mosti

Primo piano

redazione 3 ore fa

Sannio, week end di maltempo con ritorno di piogge e rovesci. Temperature in calo

redazione 8 ore fa

Furti nel Sannio, riunione in Prefettura. Castelvenere, il sindaco smentisce ‘ronde’ di perlustrazione

Antonio Corbo 8 ore fa

Innovazioni tecnologiche e welfare rurale per riscrivere il futuro delle Aree Interne

redazione 8 ore fa

Benevento, i Giardini di Palazzo De Simone saranno intitolati a Maurizio Costanzo

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content