fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

SANNIO

Vitulano, il Comune in campo contro la chiusura della filiale Unicredit

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Il sindaco di Vitulano, Raffaele Scarinzi comunica che lo scorso 10 marzo l’Ufficio Enti Napoli – gestione tesoreria – della banca Unicredit ha comunicato telefonicamente la chiusura dal prossimo mese di aprile dello sportello di Vitulano con il trasferimento delle attività alla sede di Ponte.

“Nessuna comunicazione ufficiale è pervenuta e né le associazioni di categoria né gli operatori economici sono stati informati – spiega Scarinzi -. La scelta di Unicredit risulta improvvida e non rispondente ad alcuna ragione di economicità, efficienza e parità di trattamento rispetto a situazioni e contesti territoriali simili.  Vitulano infatti, insieme a Cautano e Tocco Caudio, è uno dei tre comuni interamente montani del Parco Regionale Taburno-Camposauro, a vocazione turistica, e copre un bacino di utenza di almeno 6 comuni della valle vitulanese. Nessuna attinenza territoriale ha con Ponte. I collegamenti stradali non sono buoni, ma principalmente non c’è una efficiente rete di trasporto pubblico. Unicredit è altresì titolare da circa 30 anni del servizio tesoreria del comune ed ha un numero di conti correnti (circa 1200) ed una raccolta risparmio sul territorio di tutto rilievo.

La scelta di Unicredit – sottolinea -, se portata a compimento, determinerebbe un grave disagio al comune di Vitulano ed ai suoi interlocutori economici, violando peraltro una condizione del rapporto contrattuale di tesoreria in corso. Determinerebbe una difficoltà enorme per l’utenza in generale, costituita da persone in età molto avanzata che, anche solo per chiudere i propri rapporti economici con la banca che li sta abbandonando, avrebbe notevoli disagi per raggiungere la filiale di Ponte o altre filiali. Determinerebbe la migrazione degli interessi e della operatività finanziaria di tante piccole imprese che hanno investito sulla banca di Vitulano conservando il rapporto anche a fronte della graduale riduzione dei servizi che si è dovuta sopportare in questi ultimi anni.

Il Comune – scrive Scarinzi – intende scongiurare a tutti i costi la chiusura dello sportello e, a tal fine, sollecitare la Direzione della Unicredit a riesaminare la decisione assunta relativa alla chiusura della filiale di Vitulano. La scelta aziendale prospettata, giustificata dai vertici del gruppo Unicredit con l’esigenza di portare avanti un processo di razionalizzazione degli uffici previsto dal piano industriale, non trova rispondenza nei numeri delle diverse filiali presenti in provincia, nella orografia e articolazione del territorio, nella storia e tradizione della valle vitulanese di cui Vitulano è capoluogo e rischia di incidere profondamente sulla vita del paese, facendo venir meno dei servizi fondamentali per i cittadini e per gli operatori economici. Basti pensare anche solo alle maggiori difficoltà per riscuotere la pensione o pagare le utenze, servizi per i quali gli anziani dovranno recarsi nel più vicino ufficio dello stesso gruppo posto nel Comune di Ponte, o in altri istituti di credito di paesi limitrofi, con tutta la difficoltà che questo comporta stante la scarsa propensione agli spostamenti principalmente della popolazione anziani. Il comune ha sostenuto per trent’anni la presenza di Unicredit a Vitulano affidandole come detto il servizio di tesoreria e convogliando sulla stessa la maggiore utenza possibile. Sono clienti Unicredit il sindaco e quasi tutti i consiglieri comunali. Il parroco, i farmacisti, le imprese, i dipendenti pubblici e privati. Un patrimonio che va salvaguardato e non disperso.

Non va da ultimo trascurato lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’infezione da Coronavirus –aggiunge ancora il primo cittadino -, che oramai si prolunga da oltre un anno con misure restrittive e, in molti casi, per fronteggiare l’emergenza sul territorio nazionale si è disposta anche la limitazione degli spostamenti oltre il proprio comune. Pertanto la presenza di uno sportello bancario in loco per prelevare denaro contante è stata di vitale importanza in questo ultimo anno. Il servizio reso dalla presenza in loco di una banca, se pure formalmente privato, sia da considerarsi sullo stesso piano di un servizio di pubblica utilità e sia fondamentale per arrestare quel lento ed inesorabile spopolamento che mina la capacità di sopravvivenza dei piccoli centri, i primi ad essere sacrificati sull’altare di ogni piano di ridimensionamento di servizi di primaria importanza, come già accaduto, nel recente passato, per gli Uffici postali, Uffici del Giudice di Pace etc; il tutto in nome della tanto sbandierata “spending review” che, in molti casi, piuttosto che incidere realmente sugli sprechi, ha finito per comportare una drastica riduzione della quantità e qualità dei servizi ai cittadini delle piccole aree che l’Europa, attraverso le linee guida del Recovery Plan, che null’altro è che un Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza mira a tutelare le piccole realtà territoriali soprattutto montane.

Pertanto, riteniamo di attivare e sostenere ogni iniziativa atta a scongiurare la chiusura della filiale Unicredit di Vitulano – sottolinea Scarinzi – e di impegnarsi in ogni sede opportuna e con ogni strumento a disposizione, affinché possa essere garantita la continuità del servizio di questo sportello bancario, che intreccia la propria storia con quella di questa comunità e che ha saputo attirare molteplici clienti (imprese, famiglie, istituzioni) provenienti da tutta l’area della valle vitulanese e telesina, riuscendo ad affermarsi, sia all’interno che all’esterno del gruppo di appartenenza, per la sua virtuosa operatività. Riteniamo inoltre che la questione dovrà essere affrontata su un tavolo istituzionale il più alto ed ampio possibile che veda la presenza del Prefetto di Benevento, del Presidente della Provincia, e dei Presidenti dell’Ente Parco e della Comunità montana. Dato atto, altresì, che, al fine di tutelare i correntisti e di garantire i servizi di credito ai cittadini, ove non dovesse ottenersi la revisione della decisione di chiusura totale della filiale, questa Amministrazione intende chiedere il mantenimento dello sportello in regime di part-time o, in ultima analisi, almeno il mantenimento della macchina distributrice di contanti (bancomat) nell’attuale sede, o , qualora ciò non fosse possibile, anche in altra sede di proprietà comunale che l’Ente non esiterà, a garanzia di servizi ritenuti di primaria importanza per la comunità, a mettere a disposizione dell’istituto di credito previa stipula di un contratto di comodato.

La Giunta del comune sannita esprime la propria vibrata protesta contro l’inopinata ed improvvisa decisione della governance dell’Istituto di Unicredit di chiudere lo sportello bancario di Vitulano dal mese di aprile ritenendo quest’ultimo di vitale importanza per la collettività e per le attività economiche presenti, che riescono con grossa difficoltà a sopravvivere in un contesto territoriale così difficile e trascurato”.

Annuncio

Correlati

redazione 1 settimana fa

Vitulano, martedì alcune zone senza acqua per 4 ore

redazione 1 mese fa

Salvò 60 ebrei: la suora sannita Maria Goglia tra i ‘Giusti’

redazione 2 mesi fa

Vitulano, opposizione all’attacco su centro anziani, Sprar e addizionale comunale

redazione 2 mesi fa

Vitulano, il Comune regala biglietti del cinema ai bimbi delle scuole

Dall'autore

redazione 4 ore fa

Wg flash 24 del 27 febbraio 2024

redazione 15 ore fa

Infrastrutture e mobilità, novità dal focus della Filt Cgil: “Per la ‘Telesina’ inizio interventi previsto in autunno”

redazione 17 ore fa

Parroco a Paupisi, sindaco incontra vescovo: ‘Fiduciosi su risoluzione efficace della Curia. No a polemiche strumentali’

redazione 18 ore fa

San Pio, da oggi cartelle cliniche on line

Primo piano

redazione 4 ore fa

Wg flash 24 del 27 febbraio 2024

redazione 15 ore fa

Infrastrutture e mobilità, novità dal focus della Filt Cgil: “Per la ‘Telesina’ inizio interventi previsto in autunno”

redazione 19 ore fa

Benevento, colloquio tra Mastella e il presidente Eav su stato lavori riguardanti le infrastrutture ferroviarie

Giammarco Feleppa 21 ore fa

Il ‘Presepe di Dalisi’ sarà restaurato e avrà una collocazione in città grazie all’associazione dell’imprenditore D’Aloia

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content