fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

POLITICA

Regionali, Santamaria (Udc) insiste sulla sospensione di De Luca e invita al voto pro Caldoro

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

“Concordo anche io con la ministra Boschi e con il premier Renzi che De Luca è candidabile ed eleggibile, la cosa che però loro non dicono che un minuto dopo che sarà dichiarato eletto sarà anche dichiarato sospeso e quindi, non potendo insediare una giunta, il consiglio regionale verrebbe sciolto e si ritornerebbe a votare.”

Gennaro Santamaria, segretario provinciale e dirigente nazionale dell’UDC, ritorna ancora una volta sulla questione della sospensione di Vincenzo De Luca se mai dovesse essere eletto presidente della Regione Campania.

“E’ chiaro a tutti che, a meno di furbate da parte del governo Renzi, attraverso l’approvazione di qualche decreto legge ad hoc che modifichi la legge Severino, De Luca non potrà mai governare la Regione Campania.

A tutto ciò si aggiunge la questione sollevata in queste ora dalla commissione antimafia sui cosi detti candidati impresentabili. Premesso che io mi iscrivo – prosegue Santamaria – alla schiera dei garantisti e che quindi, fino alla sentenza definitiva, presumo l’innocenza di un soggetto, come si comporterà oggi Renzi e il suo partito che nei giorni scorsi ha dichiarato che mai avrebbe votato e fatto votare chi risultasse impresentabile.

Vale questo ragionamento di Renzi anche per De Luca? La verità è che un partito serio non avrebbe mai dovuto mettere una Regione come la nostra di fronte ad una situazione del genere. Renzi ha dimostrato, così come scriveva anche ieri il Financial Times, che non è stato in grado di avviare, in questo territorio, una vera fase di rinnovamento e che in questa regione le bande armate del PD si contrastano in modo violento in barba al cosi detto interesse pubblico.

Ovviamente, questo è un discorso più ampio se si considera che sugli impresentabili delle liste a sostegno di De Luca i prima a parlare sono stati esponenti del PD, come la senatrice Rosaria Capacchione, la segretaria regionale Assunta Tartaglio e oggi la Rosy Bindi.

Si dirà: ma questa è solo una faida interna al PD? Bene! E perché mai un cittadino Campano dovrebbe sostenere un partito del genere e un candidato alla presidente del genere? Pertanto, mi sento di fare un ultimo appello ai cittadini campani di votare domenica per chi ha già dimostrato serietà, onestà, competenza, rigore e capacità come Stefano Caldoro.

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 18 ore fa

Sanità e PNRR, Rubano (Forza Italia): “Il Tar certifica il fallimento di De Luca”

Marco Staglianò 5 giorni fa

De Luca s’è preso il Paese e ha già messo in crisi il governo

redazione 1 settimana fa

Protesta a Roma, Matera: ‘Da De Luca offese alla Meloni, siamo al vilipendio delle istituzioni’

Marco Staglianò 2 settimane fa

Clemente Mastella può passare al contrattacco

Dall'autore

redazione 41 minuti fa

La sannita Yolo Plus compie 9 anni e si unisce con Fandes. La nuova agenzia non cambia nome

redazione 1 ora fa

Wg flash 24 del 24 febbraio 2024

redazione 11 ore fa

Giardini di Palazzo De Simone intitolati a Maurizio Costanzo: Viespoli e Orlando plaudono all’amministrazione

redazione 13 ore fa

Demedicalizzazione ambulanze, Matera (FdI): “I fondi del Governo sono aumentati, è la Regione che è carente”

Primo piano

redazione 41 minuti fa

La sannita Yolo Plus compie 9 anni e si unisce con Fandes. La nuova agenzia non cambia nome

redazione 1 ora fa

Wg flash 24 del 24 febbraio 2024

redazione 13 ore fa

Sannio, week end di maltempo con ritorno di piogge e rovesci. Temperature in calo

redazione 18 ore fa

Furti nel Sannio, riunione in Prefettura. Castelvenere, il sindaco smentisce ‘ronde’ di perlustrazione

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content