fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

POLITICA

L’on.Boffa: “No alla vendita dei beni confiscati alle mafie”

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

L’on. Costantino Boffa ha sottoscritto l’appello promosso da Libera contro la norma, introdotta in Senato con un emendamento alla finanziaria, che prevede la possibilità di mettere in vendita i beni confiscati alle mafie qualora non si trovasse per loro una destinazione in tre o sei mesi.

 

“La confisca e l’assegnazione a nuove destinazioni dei beni sottratti alla criminalità organizzata – commenta l’on. Boffa – determinandone un indebolimento economico e finanziario, rappresenta un pilastro fondamentale della lotta alle mafie. Prevedendo invece la possibilità che tali beni sequestrati possano essere messi in vendita si riconosce di fatto alla criminalità l’opportunità di recuperare quanto le è stato tolto”.

 

“Va inoltre considerato – aggiunge – che confiscando alle mafie i simboli del proprio potere, non solo si procura loro un danno economico e materiale, ma si afferma con forza ed evidenza la presenza dello Stato sui territori. Fare passi indietro su questo tema equivale a riconoscere una sconfitta delle Istituzioni e della Legalità. Bisogna invece rilanciare e rafforzare l’istituto della confisca e del riutilizzo dei beni sottratti alla criminalità; a tal proposito è positiva e condivisibile l’idea di istituire un’agenzia nazionale per la gestione di tali beni confiscati, una struttura che agevoli le procedure migliorando al contempo il coordinamento tra Stato centrale ed enti locali”.

 

“Ho sottoscritto l’appello lanciato dall’associazione fondata da don Luigi Ciotti perché ritengo doveroso mettere in campo la più ampia mobilitazione possibile per salvaguardare il valore e lo spirito della legge 109 del 1996. Una legge figlia di una straordinaria campagna di informazione e coinvolgimento che, su iniziativa della stessa Libera che produsse una petizione sottoscritta da oltre un milione di cittadini italiani, vide protagonista la parte migliore della società italiana, le forze sindacali e le forze politiche che approvarono all’unanimità la legge sulla confisca dei beni e sul loro riutilizzo a fini sociali. Una straordinaria pagina di democrazia da dedicare a quanti della lotta alle mafie hanno fatto la propria ragione di vita, pagando in alcuni casi cara questa scelta. Ed è opportuno a tal proposito ricordare la figura di Pio La Torre, parlamentare del PCI, che per primo comprese l’importanza del tema proponendo la legge che oggi siamo chiamati a difendere.”

 

“Doveroso dunque – conclude l’on. Costantino Boffa – mettere in campo tutte le iniziative possibili per scongiurare l’approvazione di qualsiasi provvedimento in grado di compromettere l’integrità, lo spirito e le potenzialità della legge sulla confisca dei beni alle mafie. Un lavoro che già si è cominciato alla Camera dei Deputati dove il Pd ha presentato un emendamento soppressivo della norma in questione”.

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 3 settimane fa

Illecita gestione dei rifiuti, scarico abusivo e diverse irregolarità: sequestrato impianto di trattamento ad Airola

Christian Frattasi 1 mese fa

Un premio artistico per ricordare Delcogliano e Iermano. Martino (Libera): ‘Due martiri per la pace. Mai creduto alla tesi del Sannio isola felice’

redazione 1 mese fa

Indebita compensazione per crediti ‘inesistenti’: sequestro preventivo per società sannita nel settore elettrico

redazione 1 mese fa

Fortore, sanzioni a pescherie. Un’attività chiusa per gravi carenze igienico-sanitarie

Dall'autore

redazione 6 minuti fa

Tentata violenza sessuale nel Beneventano: assolto 28enne

Giammarco Feleppa 34 minuti fa

A Palazzo De Simone il Teatro La Salle, a Palazzo Paolo V biblioteca intitolata alla preside Luongo Bartolini

Giammarco Feleppa 2 ore fa

Benevento, nel futuro un polo sociale e sportivo per rilanciare il Rione Capodimonte. Ma servono 13 milioni

redazione 3 ore fa

Ceppaloni, inizia il Festival del Libro “Fe.Li.Ce”: libri, poesie e fumetti protagonisti al Castello

Primo piano

Giammarco Feleppa 34 minuti fa

A Palazzo De Simone il Teatro La Salle, a Palazzo Paolo V biblioteca intitolata alla preside Luongo Bartolini

Giammarco Feleppa 2 ore fa

Benevento, nel futuro un polo sociale e sportivo per rilanciare il Rione Capodimonte. Ma servono 13 milioni

redazione 3 ore fa

Ceppaloni, inizia il Festival del Libro “Fe.Li.Ce”: libri, poesie e fumetti protagonisti al Castello

Christian Frattasi 4 ore fa

Scuola ‘Bilingue’, aumentano le iscrizioni: se si riparte, gestione a Fondazione e potenziamento didattico

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content