fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

CRONACA

Macellazione clandestina e ricettazione di medicinali veterinari: sequestrati macello e aziende zootecniche nel Sannio

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Sequestrati un macello, tre aziende zootecniche e una macelleria ubicati nei Comuni di San Giorgio la Molara, Circello e Calvi. Sono i provvedimenti emessi dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Benevento, su richiesta della locale Procura della Repubblica, con lo scopo di sottrarre la disponibilità dei beni ai titolari delle attività, indagati – a vario titolo – di diversi reati, tra cui macellazione clandestina, ricettazione di specialità medicinali veterinarie e falsificazione dei modelli di movimentazione degli animali. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Benevento e del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Salerno, collaborati dalle Stazioni CC Forestali della Provincia di Benevento

Il provvedimento è scaturito da un’attività avviata nel 2019 dal Gruppo Forestale di Benevento e San Marco dei Cavoti  e  da riscontri investigativi emersi a seguito di verifiche igienico-sanitarie svolte dai militari del N.A.S. di Salerno. In particolare le indagini hanno consentito di raccogliere elementi in ordine alla macellazione clandestina di diversi capi di bestiame – prevalentemente ovini, ma anche di specie suina – che avveniva in luoghi diversi dagli stabilimenti riconosciuti e, talvolta, nelle stesse aziende zootecniche, sottoponendo gli animali a inutili sofferenze durante le procedure di abbattimento; inoltre alcuni capi ovini adulti erano non tracciabili in quanto  privi di marche auricolari e dei boli endoruminali; mentre presso una delle aziende erano detenute specialità medicinali in assenza della prescrizione veterinaria.

Inoltre, durante altri controlli precedenti erano state sequestrate carcasse di animali prive di dati identificativi in quanto  sprovviste di indicazioni in grado di dimostrarne la legittima provenienza e  della documentazione della tracciabilità dei capi originari; in altre occasioni erano stati riscontrati la presenza di  capi ovini  macellati privi di bolo identificativo e venivano poste in vendita in altre occasioni  carni considerate non genuine in quanto mancanti di indicazioni sulla tracciabilità, lavorazione e trasformazione.

I capi di bestiame rinvenuti durante l’esecuzione del provvedimento e i restanti beni – del valore complessivo stimato in oltre due milioni di euro – sono stati sequestrati e affidati ad un amministratore giudiziario. 

Annuncio

Correlati

redazione 2 settimane fa

Benevento, scoperti rifiuti speciali pericolosi di tipo sanitario: scatta una denuncia

redazione 1 mese fa

Benevento, fermato con rifiuti industriali non pericolosi: scatta denuncia. Autocarro sequestrato

redazione 2 mesi fa

Sottrazione di alcole etilico ad accertamento e pagamento accise dovute: maxi sequestro per oltre 750mila euro. Nei guai sannita

redazione 2 mesi fa

Violenza di genere e domestica, dati e riflessioni importanti dal questionario somministrato agli studenti beneventani

Dall'autore

redazione 9 ore fa

Airola, piantagione di marijuana nel terreno di casa: torna in libertà 49enne

redazione 10 ore fa

Ponte, incidente sul cantiere dell’Alta Velocità: le precisazioni del Consorzio Telese

redazione 11 ore fa

Ospedale Sant’Agata, la discussione arriva anche nel Consiglio di San Salvatore Telesino

redazione 13 ore fa

Pd: ‘Benevento tra le città dove aumenta di più inflazione e costo della vita. Si crei osservatorio prezzi’

Primo piano

Giammarco Feleppa 8 ore fa

In via dei Mulini ecco il PalaUnisannio: è la prima struttura sportiva dell’ateneo beneventano

redazione 10 ore fa

Ponte, incidente sul cantiere dell’Alta Velocità: le precisazioni del Consorzio Telese

Giammarco Feleppa 11 ore fa

Santa Croce del Sannio chiede a De Luca il commissariamento dell’Ospedale San Pio

Giammarco Feleppa 12 ore fa

Benevento, denominate nove nuove strade. Una ricorderà don Alfonso Del Grosso, primo parroco a Pezzapiana

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content