fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

ECONOMIA

A Benevento e nel Sannio una flessione occupazionale dello 0,6%

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

152mila entrate di personale dipendente programmate dalle imprese dell’industria e dei servizi tra gennaio e marzo, circa 60mila in più di quelle rilevate per l’ultimo trimestre dello scorso anno. Si tratta, tuttavia, in larga parte di riattivazioni di contratti in scadenza a fine 2011 o di assunzioni in sostituzione di analoghe figure che hanno interrotto (anche solo temporaneamente) il loro rapporto di lavoro. A realizzarle saranno quelle oltre 107mila imprese che, nonostante lo scenario congiunturale, legano il rinnovamento o l’espansione della base occupazionale all’andamento della domanda estera (sono circa 25mila le imprese esportatrici che assumono) e alla realizzazione di nuovi prodotti o servizi (quasi 32mila imprese hanno innovato e programmano, nell’immediato, nuove assunzioni).

A prevederlo è il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro che, per la prima volta nell’analisi riguardante i programmi occupazionali delle imprese dell’industria e dei servizi, introduce per il I trimestre 2012 un nuovo elemento di conoscenza: le uscite di personale dipendente attese nello stesso periodo, pari a 227.500 unità (saranno soprattutto gli occupati a tempo determinato i più colpiti dalla flessione occupazionale). A seguito di tali uscite, si determina un saldo negativo di 75mila unità, equivalenti a un calo dell’occupazione dipendente nell’industria e nei servizi dello 0,7%. La sofferenza tocca soprattutto l’occupazione nelle piccole imprese, investirà in maniera più consistente il Mezzogiorno e interesserà soprattutto (ma non esclusivamente) i contratti a tempo determinato.

Sguardo alla Campania, ovviamente, una delle regioni più in sofferenza: il saldo è negativo per l’1%, complessivamente, frutto di 10810 ingressi a fronte di 17420 uscite (di cui il 43,5% per scadenza di contratto e il 6% per pensionamento). Quanto alle singole province, stanno messe peggio Avellino e Salerno (-1,4% il saldo negativo fra assunzioni e uscite dal mondo del lavoro), davanti a Caserta (-1,3%), Napoli (-0,8%) e, per fortuna buona – ma non tanto… – ultima Benevento (-0,6%, con 560 entrate e 740 uscite pe run risvolto negativo della perdita di 180 posti).

 

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 1 settimana fa

Irpinia e Sannio, dati Excelsior: 3.600 assunzioni pianificate dalle PMI nel mese di giugno

redazione 2 settimane fa

Telese Terme, 31 persone da avviare al lavoro con il Progetto GOL

redazione 3 settimane fa

Lampugnale (Confindustria): “Mancato rinnovo decontribuzione Sud dopo il 30 giugno rischia di penalizzare pesantemente le Pmi”

redazione 3 settimane fa

Pubblico impiego: qual è lo stato d’arte e cosa cambierà nei prossimi anni

Dall'autore

redazione 1 ora fa

Wg flash 24 del 19 giugno 2024

redazione 12 ore fa

Castelpagano, Gesesa: “Questa sera servizio idrico sospeso in cinque contrade”

redazione 12 ore fa

Fratelli d’Italia, Massimiliano Marotta nel Coordinamento provinciale

redazione 13 ore fa

Abbate all’attacco dei parlamentari del centrodestra: “Masanielli contro la Regione ma a Roma affamano la sanità pubblica”

Primo piano

redazione 1 ora fa

Wg flash 24 del 19 giugno 2024

redazione 13 ore fa

Telesina, scontro tra auto e camion: ferito poliziotto sannita 38enne

redazione 14 ore fa

Benevento, api salvate e veranda liberata: da Capodimonte storia a lieto fine per la signora Lucia

redazione 15 ore fa

Chiusura notturna del Pronto Soccorso a Sant’Agata, Mastella: “Incidenti e malanni non hanno orari. Così è schiaffo ai territori”

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content