fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Provincia di Benevento

Vittime del terrorismo, intensa e commossa seduta del consiglio

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Si è svolto questa mattina, presso la Rocca dei Rettori di Benevento, in seduta aperta per celebrare il “Giorno della Memoria delle Vittime del terrorismo” che quest’anno il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha voluto fosse in particolare dedicato ai Magistrati e a tutti i servitori dello Stato che hanno pagato con la vita la loro lealtà alle Istituzioni repubblicane.

Alla seduta dell’Assemblea, presieduta da Giuseppe Maria Maturo, hanno partecipato, tra le Autorità, il presidente del Tribunale Rocco Carbone, il sostituto procuratore della Repubblica Giacomo Iannella, la direttrice della Casa Circondariale Maria Luisa Palma, il viceprefetto Maria Rita Circelli e il dirigente della Questura Domenico Piscitelli.

Ha introdotto i lavori il presidente Maturo. Questi ha spiegato l’iniziativa del Conisglio provinciale come un dovere di testimonianza per riaffermare i valori supremi della libertà e della democrazia. ha rievocato le vicende degli anni di piombo sugli oltre 400 morti che le statistiche ufficiali attribuiscono al terrorismo e ha rimarcato il fatto che non esista una statistica completa sulle vittime del terrore: “Tale nostro rilievo critico – ha detto – circa l’incompletezza del dato non è fine a se stesso, né vuole essere irriguardoso nei confronti di chicchessia, ma invece nasce dalla constatazione che evidentemente nel nostro Paese esiste un deficit di memoria e che tale amara conclusione deve essere tenuta nella massima evidenza e segnalata a tutti i cittadini”. Maturo si è poi soffermato, in particolare, alle cosiddette “vittime individuali” cioè a quelle persone che, uscite di casa per andare in Ufficio erano raggiunte dai colpi sparati a bruciapelo dal terrorista di turno. Tra questi magistrati e poliziotti: nel rendere omaggio a questi Caduti, Maturo, ricordate le vittime sannite del terrorismo Alfredo Paolella, magistrato, Antonio Cestari, agente di Polizia, Raffaele Delcogliano, uomo politico, Aldo Iermano, autista, ha quindi invitato i presenti ad un minuto di raccoglimento.

 

Dopo questa commemorazione, ha preso la parola il presidente Carbone che ha ricordato i nomi di alcuni servitori dello Stato che furono colpiti dalle BR: il giornalista Walter Tobagi, il politico Aldo Moro e i magistrati Occorso, Croce, Palma, Tartaglione, Alessandrini, Giacundi, Minervini, Amato, Bachelet. “Quando apprendemmo la notizia della morte di Alessandrini – ha detto Carbone – stavamo in Camera di Consiglio a Benevento, fummo presi da un vero sconforto, perché sembrava che queste organizzazione prendessero il sopravvento sullo Stato. Sceglievano i loro obiettivi tra i magistrati più aperti e democratici, quelli che più di altri avrebbero potuto giovare alla società civile. La lezione che ci viene dagli “anni di piombo” è che le istituzioni vanno difese comunque, vanno preservate perché servono all’intero Paese: la magistratura è importantissima anche per la ripartizione dei poteri dello Stato, per cui bisogna evitare di delegittimarla”.

Il magistrato Iannella, nel suo intervento, ha sottolineato che “lo Stato e la magistratura hanno sconfitto il terrorismo con la forza della legge, sempre nei limiti e nell’ambito dei principi e delle norme costituzionali. Nella lotta contro il terrorismo la magistratura non fu lasciata sola, ma sostenuta dai cittadini e dalla solidarietà del mondo politico e istituzionale. Se oggi ci può essere il pericolo che la magistratura avverte, vuol dire che qualche cosa nel meccanismo potrebbe incepparsi”. “Non dimentichiamo mai – ha continuato il magistrato – che il principio di legalità è una cosa che, con la collaborazione di tutte le istituzione, deve essere trasmesso ai ragazzi fin dai primi anni di scuola”. Iannella ha concluso parlando dell’assessore Raffaele Delcogliano e del professore universitario Alfredo Paolella, “due beneventani caduti non sul fronte della lotta al terrorismo ma sul fronte del progressismo”.

Il dibattito tra i Consiglieri provinciali è stato aperto dal capogruppo dell’Udc, Lucio Rubano, che ha stigmatizzato il manifesto contro i magistrati apparso nelle scorse settimane a Milano. “Gli anni del terrorismo hanno messo a dura prova la nostra democrazia – ha detto Rubano -. La memoria delle vittime va tramandata alle future generazioni. A loro la nostra gratitudine che ci permettono di vivere in un Paese libero”. Il consigliere provinciale del Popolo della Libertà, Spartico Capocefalo, si è detto d’accordo con l’appello rivolto in precedenza da Iannella a parlare di educazione alla legalità nelle scuole. Anch’egli ha ricordato Alfredo Paolella le cui spoglie sono nel cimitero di Pesco Sannita. E’ poi intervenuto Claudio Ricci, capogruppo del Partito Democratico, il quale ha dichiarato doveroso “dare atto a chi è impegnato nella tutela della legalità. Spesso dimentichiamo che la legalità è il baluardo dei più deboli. Anche la meritocrazia è a tutela dei più deboli: chi non ha altre garanzie a cui aggrapparsi, può e deve aggrapparsi alla legalità che regge lo Stato. Siamo qui per celebrare un ordine e una istituzione. Sono contento del coraggio avuto dal presidente Napolitano in questo momento delicato del dibattito politico sul tema della magistratura. Questi momenti ben vengano, perché il livello del dibattito ha toccato ormai punti davvero insostenibili”. Il consigliere del Pdl, Lello Di Somma, ha rilevato che “una società civile moderna istituisce le giornate della memoria per non dimenticare e trasmettere alle nuove generazioni quei valori per far sì che quelle violenze non accadano più”.

Il Consiglio Provinciale si è concluso con l’intervento del presidente della Provincia, Aniello Cimitile, il quale ha ammesso che la memoria fa fatica ad andare avanti. Dopo aver sottolineato che nel Sannio, anche grazie ad iniziative di persone di buona volontà, animati da forte spirito e senso civile, sono intervenuti i figli di Moro, Tobagi, Bachelet, la sorella di Borsellino, la moglie di D’Antona a parte di legalità e di democrazia, Cimitile ha avvertito un forte pericolo: “è come se il Paese su questo tema del terrorismo volesse dimenticare: forse è anche per questo che assistiamo a fenomeni di una gravità assoluta. E chi ha vissuto quei tempi, fa scattare un segnale di allarme. Ricordo quando ci fu lo sterminio dei giovani della scorta di Moro: avvertivamo il bisogno di scendere in piazza, per stringerci con vigore intorno alle forze vive del Paese per difendere le istituzioni repubblicane. Eravamo a Napoli ma penso che sia accaduto in tutte le zone d’Italia. Bisogna ricordare tutti i caduti del terrorismo: magistrati, avvocati, professori universitari, politici, uomini delle Forze dell’Ordine, giornalisti, sindacalisti, autisti. La parte migliore di questo Paese. Con la forza della legalità, lo Stato è riuscito a vincere, grazie alle cosiddette riserve della Repubblica”.

Cimitile ha poi detto che “bisogna stringersi intorno alla nostra magistratura perché il rischio è quello di lasciarla soli. Ho avuto la possibilità di incontrare uno dei fondatori delle BR, Alberto Franceschini, oggi in una posizione diversa, per capire come era nata questa idea: una scelta scientifica di alzare il livello dello scontro, e la scelta cadde sui magistrati, che avevano il compito più arduo della legalità. Una scelta oculata, per colpire i migliori uomini dello Stato. Se si perde la distinzione fra vittime e carnefici, c’è qualcosa che non funziona. Io spero che questa giornata dia una spinta a un Paese che sembra averne davvero bisogno”.

 

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 6 mesi fa

San Lorenzello onora le ‘vittime della strada’ con due pietre monumentali e un’area dedicata

redazione 1 anno fa

All’Unisannio la riflessione su processi penali e mediatici, ma anche sui rapporti stampa-magistratura

redazione 1 anno fa

San Lorenzello ricorda i morti negli incidenti stradali intitolandogli uno spazio comunale

redazione 2 anni fa

Mastella a incontro Anm: ‘Aspra contrapposizione tra politica e magistratura va sempre evitata’

Dall'autore

redazione 8 ore fa

Centri per l’Impiego: Provincia trasferisce a Regione le sedi di Benevento, Sant’Agata de’ Goti e San Bartolomeo

redazione 8 ore fa

Carcere di Benevento, il Sappe diserterà l’incontro con la direzione: “Basta nascondere testa sotto sabbia come gli struzzi”

redazione 8 ore fa

‘Sannio Europa’: si è insediato Del Vecchio

redazione 9 ore fa

Ente Parco Regionale del Matese: il nuovo presidente è Agostino Navarra

Primo piano

redazione 8 ore fa

Carcere di Benevento, il Sappe diserterà l’incontro con la direzione: “Basta nascondere testa sotto sabbia come gli struzzi”

redazione 9 ore fa

Scuole, individuata con la Provincia la soluzione per “Giannone” e “Alberti”. Il “Galilei” potrebbe restare dov’è

redazione 10 ore fa

Benevento, è la settimana di De Giovanni e Rumiz: gli scrittori alla libreria Ubik mercoledì 22 e venerdì 24 maggio

redazione 10 ore fa

Benevento, da oggi lavori sul ponte San Nicola: chiuso al traffico, si riapre il 7 settembre

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content