fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

POLITICA

Arco di Traiano, Corona: ‘Miceli rispolvera il sistema di controllo bocciato nel 2012, Picariello vuole eliminare il prato’

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

“Nella Commissione Consiliare PICS che da sola costa ai contribuenti 5.000 euro in un mese e si conferma il luogo privilegiato per informative inutili e discussioni banali, ieri sono state avanzate due proposte che potrebbero risultare sorprendenti se non fossimo abituati a registrare di peggio al tempo di Mastella sindaco.

Il consigliere Angelo Miceli – scrive Gabriele Corona di ‘Altra Benevento è possibile’ – ha proposto di istallare un sistema di video sorveglianza intelligente per evitare atti di teppismo all’Arco di Traiano, come quello costoso e non funzionante montato nel 2011 dalla società “KES – Knowledge Environment Security” di Benevento, partecipata anche dall’Università del Sannio, da privati e da una società israeliana, esperta di controlli antiterrorismo.

Il progetto dal costo complessivo di 973.000 (novecentosettantatre mila euro), garantiti in gran parte dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e poi dal Comune di Benevento e da altri soggetti pubblici e privati, fu un clamoroso flop. La società KES srl che assicurava di aver brevettato un sistema di sorveglianza avanzatissimo adattando il software in uso all’esercito israeliano, firmò una convenzione con il Comune di Benevento per proteggere l’Arco da “atti vandalici e criminali con sensori, telecamere e un motore di correlazione in grado di identificare automaticamente potenziali minacce” e segnalarle a una centrale operativa collegata con la Polizia Municipale. Nel video pubblicizzato da detta società si spiegava dettagliatamente con una simulazione, come avrebbe dovuto funzionare il complesso sistema di sorveglianza intelligente. Si vedeva un uomo che tentava di imbrattare l’Arco con un pennarello ma il comportamento sospetto dello sconosciuto veniva subito notato dalle nove telecamere intelligenti montate intorno al monumento, immediatamente scattava l’allarme presso la sede dei Vigili Urbani ed altre Forze dell’Ordine che arrivavano sul posto a sirene spiegate per braccare il delinquente prima dell’atto vandalico.

Per dimostrare che si trattava di una colossale e costosissima sciocchezza, la mattina dell’11 aprile 2012, lunedì di Pasquetta, mi avvicinai con un grosso martello all’Arco di Traiano e feci finta di colpirlo ripetutamente proprio nel punto indicato nel video della simulazione.
Ebbene, tranne le proteste vivaci di un anziano signore e del gestore del vicino bar, non accadde niente. Le telecamere mi avevano inquadrato ma non scattò nessun allarme, non arrivarono i Vigili, i Carabinieri e neppure gli agenti antiterrorismo del Mossad israeliano. Dopo quella figuraccia l’allora assessore alla Cultura, Raffaele Del Vecchio, fece smontare le 9 telecamere senza però chiarire come e perché erano stati spesi migliaia di euro di fondi pubblici. Sorprende davvero che dopo 11 anni il consigliere Miceli voglia riproporre un sistema simile.

Più significativa – prosegue Corona – è invece la proposta del presidente della Commissione PICS, Antonio Picariello il quale dopo aver ricordato che l’Arco è sempre stato ristretto tra edifici, propone di eliminare il prato intorno al monumento che lo fa sembrare “una mucca al pascolo”.

Oltre le due stupefacenti proposte di Miceli e Picariello, la commissione ancora non ha accertato perché è indispensabile la costruzione del lapidarium. Quali reperti dovrebbero essere esposti? Perché i pareri della Soprintendenza rimangono misteriosi e la Commissione non li acquisisce? Nel 2021 Comune e Soprintendenza pensarono che il Lapidarium proposto da una apposita commissione fosse necessario per esporre “reperti archeologici di grandi dimensioni in pietra lavorata (iscrizioni su pietra, sarcofagi, ecc) giacenti nei depositi che sarebbe giusto e opportuno restituire alla collettività”.

Quei reperti, però, non sono relativi all’Arco e comunque, date le dimensioni, non possono essere esposti nella struttura lunga e stretta, molto più piccola di quella ipotizzata nel 2021, che adesso il Comune vuole costruire. E quindi, perché insistere a realizzarla con tutti i problemi connessi (fragilità dei materiali, visibilità delle pareti, sistemi di vigilanza, spreco di denaro pubblico, ecc) invece di potenziare il Museo dell’Arco di Traiano che si trova a pochi passi dal monumento nella ex chiesa di Sant’Ilario?”, conclude Corona. 

Annuncio

Correlati

redazione 5 giorni fa

Nasce il Comitato ‘Salviamo le scuole Torre-Sala e il quartiere Mellusi dallo scempio’: lanciata petizione on line

redazione 5 giorni fa

Benevento, il primo luglio al via i lavori di ristrutturazione dell’immobile che ospita la casa albergo San Pasquale

redazione 2 settimane fa

Pasquariello replica ai docenti della ‘Torre’: “Qualche disagio per scuole moderne, sicure e funzionali. Non travisare i fatti”

redazione 3 settimane fa

Palazzo Paolo V, via a interventi di riparazione della facciata e di impermeabilizzazione

Dall'autore

redazione 24 minuti fa

Fortore, controlli nel week end: sanzioni amministrative e veicoli sequestrati

redazione 28 minuti fa

Festa Europea della Musica 2024, gli allievi del San Pietro Musica di San Giorgio la Molara protagonisti dell’evento

redazione 43 minuti fa

Offerte di lavoro a Benevento: Sidertecno cerca 𝗧𝗲𝗰𝗻𝗶𝗰𝗼 𝗗𝗶𝗺𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗣𝗿𝗼𝗺𝗼𝘁𝗲𝗿 (𝙏𝘿𝙋)

redazione 3 ore fa

‘Sos Genitori’ – Come affrontare le vacanze estive

Primo piano

redazione 24 minuti fa

Fortore, controlli nel week end: sanzioni amministrative e veicoli sequestrati

redazione 43 minuti fa

Offerte di lavoro a Benevento: Sidertecno cerca 𝗧𝗲𝗰𝗻𝗶𝗰𝗼 𝗗𝗶𝗺𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗣𝗿𝗼𝗺𝗼𝘁𝗲𝗿 (𝙏𝘿𝙋)

redazione 3 ore fa

‘Sos Genitori’ – Come affrontare le vacanze estive

Marco Staglianò 3 ore fa

Le europee del Centrodestra, le regionali e i capponi di Renzo

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content