fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Associazioni

Coronavirus, il L@p chiede chiarimenti sulle protezioni per medici ed infermieri

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

“L’aumento del numero dei contagiati tra il personale medico dell’Ospedale San Pio che continuerà a crescere insieme ad alcuni familiari  rispecchia la tendenza del drammatico dato nazionale che vede il 10% dei contagiati totali tra i medici e gli infermieri del servizio sanitario nazionale. Tutte le autorità da giorni ci ripetono che siamo in guerra e che in virtù di questa guerra bisogna giustamente essere chiusi in casa. Ma i soldati della prima linea come stanno combattendo questa guerra?”. Così in una nota il L@p Asilo 31.

“In questa fase – scrive l’associazione – è sbagliato diffondere allarmismo inutile e riteniamo che tutti dobbiamo essere responsabili ma è giusto e sacrosanto richiedere la difesa e la tutela dei lavoratori che ci curano ogni giorno e che sono i più esposti, come i lavoratori del San Pio. Sono state attivate tutte le procedure necessarie per tutelare le persone, i lavoratori che hanno il compito di  curarci? Che tipo di protezioni sono  garantite al personale medico in servizio al San Pio? Perchè nonostante i casi di contagio le disposizioni prevedono ancora di non fare i tamponi al personale medico senza sintomatologia seppur entrato in contatto?

Ogni giorno – attacca l’associazione – viene emanata un’ordinanza restrittiva ma cosa stanno facendo le istituzioni comprese quelle locali per tutelare il diritto alla salute dei lavoratori del personale medico e dei cittadini? In tutti gli ospedali della Campania la situazione sta precipitando e si cerca di coprire agli errori commessi compresi i tagli alla sanità pubblica e gli aiuti alla sanità privata spostando l’attenzione sui cattivi comportamenti delle persone. Che misure si stanno adottando per impedire che gli ospedali della Campania, San Pio compreso, non si trasformino in focolai di contagio oltre all’esercito nelle strade? È possibile avere risposte in merito alle azioni assunte e da assumere per tutelare i lavoratori e il diritto alla salute di tutti?

Il silenzio delle istituzioni e degli organi competenti o le risposte poco chiare non fanno altro che generare ansia e paura tra le persone e offrono lo spunto per creare dannosi allarmismi – conclude -. Per questo riteniamo che è giusto essere informati su come l’Ospedale San Pio si sta attrezzando per affrontare l’emergenza”.

Annuncio

Correlati

redazione 2 giorni fa

San Pio, da oggi cartelle cliniche on line

redazione 4 giorni fa

“Ambulanze demedicalizzate: il rimedio sono condizioni di lavoro e stipendi più dignitosi”

redazione 6 giorni fa

San Pio, paziente salvata da ‘emorragia subaracnoidea (ESA) da rottura di aneurisma del sifone dell’arteria carotide interna sn’

redazione 1 settimana fa

Riorganizzazione 118, l’Ordine dei Medici: ‘Nostra priorità è salute delle persone’

Dall'autore

redazione 4 ore fa

San Bartolomeo in Galdo, l’omaggio del Consiglio ad Aleksej Navalny: istituita anche una borsa di studio sulla libertà

redazione 4 ore fa

Raddoppio Telesina, Anas consegna progettazione esecutiva del 1° lotto: avvio dei lavori ad autunno 2024

redazione 4 ore fa

Rocca dei Rettori, programmate aperture straordinarie a Pasquetta e nei week end festivi da aprile a giugno

redazione 5 ore fa

Demedicalizzazione ambulanze, ad Apice l’opposizione chiede consiglio comunale aperto

Primo piano

redazione 4 ore fa

San Bartolomeo in Galdo, l’omaggio del Consiglio ad Aleksej Navalny: istituita anche una borsa di studio sulla libertà

redazione 4 ore fa

Raddoppio Telesina, Anas consegna progettazione esecutiva del 1° lotto: avvio dei lavori ad autunno 2024

redazione 4 ore fa

Rocca dei Rettori, programmate aperture straordinarie a Pasquetta e nei week end festivi da aprile a giugno

redazione 5 ore fa

Piogge e temporali in arrivo: domani allerta meteo ‘Gialla’ anche nel Sannio

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content