Home ENTI Comune di Benevento Benevento, strade dissestate in centro: presto la sistemazione dei basoli in zona...

Benevento, strade dissestate in centro: presto la sistemazione dei basoli in zona Trescene

Una buona notizia per i turisti, i pedoni e gli automobilisti, in particolar modo per i residenti, che transitano quotidianamente nel centro storico di Benevento. Il Comune ha infatti impegnato la somma di 9500 euro per la manutenzione straordinaria della pavimentazione in zona Trescene. A confermarlo è stata una determina del Settore Lavori Pubblici di Palazzo Mosti, firmata dal dirigente Maurizio Perlingieri.

Un intervento urgente e necessario, partito dalla segnalazione di commercianti e abitanti del quartiere, che ha portato al sopralluogo dei tecnici comunali: dalla verifica effettuata, si è potuto constatare il disallineamento dei basoli di pietra lavica che procura ogni giorno enormi disagi. In particolare, le zone più avvallate risultano quelle su via Mario La Vipera, via II Trescene e via Papa Vittorio III, dove si nota un maggiore sprofondamento della sede stradale.

Gli interventi messi in campo dall’amministrazione comunale consisteranno nello smontaggio della pavimentazione, nella successiva verifica del sottofondo, nel ripristino della fondazione stradale e nella ricollocazione dei basoli.

Una idea di riqualificazione della zona risale al lontano marzo 2014, quando la giunta guidata dall’ex sindaco Pepe diede l’ok ad un progetto di restyling incentrato su piazza Piano di Corte, cuore della movida cittadina, dove un tempo sorgevano le residenze dei principi longobardi. Il piano – voluto dall’allora assessore ai Lavori Pubblici, Cosimo Lepore, e che doveva realizzarsi mediante un finanziamento regionale da quasi 290mila euro – prevedeva lo smontaggio dell’intero basolato posto come pavimentazione e la rilavorazione, il ripristino e il livellamento della superficie. In sinergia con la Soprintendenza ai Beni Culturali, erano previsti anche degli scavi archeologici preliminari al posizionamento dei basoli e nuovi elementi di arredo urbano come panchine e cestini gettarifiuti.

Articolo precedenteSan Bartolomeo in Galdo, il 26 agosto cittadinanza onoraria allo storico parroco don Franco Iampietro
Articolo successivoTragedia a Montefalcone di Val Fortore, 16enne si toglie la vita