Home ECONOMIA Alta velocità, dall’Europa 114 milioni di euro per la tratta Napoli-Cancello

Alta velocità, dall’Europa 114 milioni di euro per la tratta Napoli-Cancello

L’Unione europea contribuirà con un investimento da 114 milioni di euro alla realizzazione della nuova tratta ferroviaria Napoli-Cancello, lungo la linea ad alta velocità che collegherà il capoluogo campano a Bari. Lo stanziamento, a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), è stato annunciato oggi dalla Commissione Ue. Si tratta di “un collegamento cruciale per l’economia, la crescita e lo sviluppo regionale del Sud Italia”, scrive l’Esecutivo comunitario in una nota, specificando che il termine dei lavori per i 15,5 km della variante Napoli-Cancello è previsto per ottobre 2022. Il progetto, avviato nel 2015, rientra nel corridoio europeo Ten-T Scandinavo-Mediterraneo e vale 887,6 milioni di euro.

“Investire in migliori connessioni ferroviarie nel Sud Italia significa investire nell’economia reale della regione, visto che questo porterà benefici diretti alle imprese, al turismo, e migliorerà la coesione territoriale del Paese”, ha dichiarato la Commissaria Ue ai trasporti, Violeta Bulc.

Sullo stanziamento è intervenuto anche Giuseppe Anzalone, segretario Filt Cgil Av/Bn: “Con molto piacere apprendiamo la notizia dello stanziamento dei fondi Europei per il tracciato dell’Alta Capacità/Velocità, relativo al lotto Napoli- Cancello. Tutto questo non può che renderci felici, anche se va detto che per quanto concerne gli altri tracciati che interessano il Sannio e in particolar modo le aree interne della Campania, c’è ancora molto da lavorare.

Esiste attualmente un sistema di trasporto ferroviario nelle zone interne delle Campania che necessitano interventi urgenti – spiega Anzalone -; le linee vanno velocizzate e messe in sicurezza con l’abbattimento dei PL. Se vogliamo per davvero rendere competitivi questi territori e accorciare i tempi di percorrenza tra aree interne e costiere non bisogna più perdere del tempo. Esempi ce ne sono: la Benevento-Cancello, Piedimonte-Caserta, Benevento-Avellino-Mercato, Benevento-Bosco Redole, sono ancora distanti dagli standard per un mobilità del cittadino efficiente.

Anche se per alcune di queste linee sono state finanziate le risorse – conclude -, non bisogna mai abbassare la guardia, facendo sinergia con esponenti delle amministrazioni e della politica locale, regionale e nazionale, in modo che anche il Sannio diventi protagonista e non solo spettatore di un sistema del trasporto di merci e persone efficace ed adeguato ai tempi attuali”.

Articolo precedenteIl sannita Palazzo aderisce al progetto del governatore ligure Toti ‘Cambiamo’
Articolo successivoSan Bartolomeo in Galdo, il 26 agosto cittadinanza onoraria allo storico parroco don Franco Iampietro