fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

POLITICA

De Lorenzo: raramente ho provato tanto disgusto e pietà

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Solo oggi, ho avuto l’opportunità, non essendo più coperte dal segreto istruttorio, di leggere il teso integrale delle intercettazioni che mi riguardano nell’ordinanza emessa dalla Procura della Repubblica di Napoli lo scorso 21 ottobre per l’inchiesta Arpac. Sono 111 le pagine che interessano la mia posizione e molte di queste contengono, appunto, il contenuto delle intercettazioni. Raramente, nella vita, ho provato tanto disgusto e pietà insieme. Disgusto, per aver avuto la prova che i miei accusatori siano stati capaci di arrivare a tanto; pietà, per la certezza, qualora ce ne sia bisogno, di quanto possa concepire l’animo umano. Un misto di ordini, minacce, prese in giro nei confronti della magistratura beneventana e giù di lì. Il tutto condito da parole da trivio che poco si addicono a chi occupa ruoli istituzionali di prestigio. Ho lottato da solo ed ho dimostrato di saper vincere. La realtà inviterebbe al silenzio. Invece, no. Si deve lottare al fine che quanti sono arrivati a tanto, sino a quando, qualora rinviati a giudizio, non paghino a dovere, non ritornino in modo disinvolto ad occupare, previo compensi da capogiro, lo stesso ruolo che hanno dimostrato di usare secondo i propri desideri. Ed in più, sicuri di essere intoccabili, con disinvoltura, malgrado i tempi, preparavano a telefono l’annientamento di un professionista onesto. E’ vero che bisogna attendere, ed è naturale che sia così, i tre gradi di giudizio. E’, però, lo stesso vero che il contenuto delle intercettazioni è quello e rimane tale. Allora, sarà mio dovere, quale rappresentante delle istituzioni, eletto liberamente dal popolo, commentarle insieme. Solo al fine che altri, magari senza potersi difendere a sufficienza, come ho avuto la possibilità di fare io, si trovino, indifesi, a subire vicissitudini di una gravità inaudita. Vicissitudini che, a gran voce, gridano giustizia.

Giuseppe De Lorenzo

Annuncio
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Correlati

redazione 5 mesi fa

L’Arpac resterà alla Spina Verde: accordo con il Comune di Benevento fino al 2033

Christian Frattasi 9 mesi fa

Il rapper beneventano Mooncler selezionato da Radio Dejaay per aprire il concerto di Marracash

redazione 11 mesi fa

Anche a Benevento superamenti diffusi del limite PM10 per afflusso polveri sahariane

redazione 11 mesi fa

Incendio Airola, Arpac relaziona su monitoraggio terreni: risultati tranquillizzanti

Dall'autore

redazione 3 ore fa

Benevento, furto aggravato di uno smartwatch in un negozio al Rione Ferrovia: deferiti due uomini

redazione 5 ore fa

Airola, domani la targa in memoria di Matteotti. Ruggiero (PD): ‘Gesto importante’

redazione 5 ore fa

Il sindaco Mastella: “Scuola dell’infanzia San Vito, complimenti per il pregevole risultato in tema di tutela ambientale”

redazione 5 ore fa

San Barbato, la proposta del sindaco di Castelvenere: ‘Unire tra loro le comunità che venerano il Santo’

Primo piano

redazione 3 ore fa

Benevento, furto aggravato di uno smartwatch in un negozio al Rione Ferrovia: deferiti due uomini

redazione 5 ore fa

Il sindaco Mastella: “Scuola dell’infanzia San Vito, complimenti per il pregevole risultato in tema di tutela ambientale”

Christian Frattasi 5 ore fa

In città è già ‘febbre’ Bct: file kilometriche nel centro storico per il day one dedicato al ritiro dei ticket

redazione 10 ore fa

Conservatorio, dal 21 al 23 giugno la Festa Europea della Musica a piazza Roma: Mariella Nava ospite speciale

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content