fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

PRIMO PIANO

Demedicalizzazione ambulanze, i sindaci della Valle Vitulanese: ‘No a qualsiasi riforma peggiorativa del servizio di assistenza sanitaria’

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Sei sindaci della Valle Vitulanese – Raffaele Scarinzi (Vitulano), Gennaro Caporaso (Tocco Caudio), Giovanni Mastrocinque (Foglianise), Vito Fusco (Castelpoto), Alessandro Gisoldi (Cautano), Tommaso Nicola Grasso (Campoli del Monte Taburno) – hanno stilato un documento comune per contestare il nuovo assetto organizzativo del Servizio di Soccorso sanitario di emergenza – urgenza – “118”, predisposto dall’ASL BN1 e risultante al momento da una disposizione interna diramata al personale, che ha previsto per la zona della Valle Vitulanese una sola ambulanza medicalizzata ubicata a Torrepalazzo la quale dovrà coprire i numerosi territori comunali.

Già nel mese di marzo scorso – scrivono i primi cittadini – diverse amministrazioni comunali della Valle Vitulanese, hanno con i rispettivi Consigli chiesto che il Servizio 118 di Vitulano rimanesse “medicalizzato”, per garantire un’idonea copertura del territorio della Valle Vitulanese a tutela del diritto alla salute alle cure mediche dei cittadini previsti come inviolabili dalla Costituzione.

Con il documento oggi inviato all’Asl al Presidente della Regione e al Prefetto tutti i comuni della Valle Vitulanese – proseguono i sindaci – hanno riaffermato l’assoluta contrarietà a qualsiasi riforma peggiorativa del servizio del 118 e quindi la garanzia della presenza di un medico a bordo del veicolo di soccorso.

Hanno, infine, richiesto l’istituzione di un tavolo di confronto tra l’Azienda Sanitaria Locale di Benevento, la Regione Campania e i rappresentanti delle comunità interessate, per discutere soluzioni sostenibili e condivise rispondenti alle esigenze del territorio.

Pur consapevoli delle difficoltà derivanti dalla mancanza di medici nell’organico del 118 e delle ulteriori criticità che si verificheranno con l’attuazione dell’autonomia differenziata, i sindaci auspicano una attenzione più forte per i territori montani già a rischio di spopolamento e non escludono l’impugnazione di eventuali provvedimenti che dovessero apparire dannosi o rischiosi per i propri cittadini.

Annuncio

Correlati

redazione 3 settimane fa

Provincia, assegnati i primi 4,5 milioni per l’avvio dei lavori di completamento della Fondo Valle Vitulanese

redazione 4 settimane fa

118, vertice Asl-Associazioni: tavolo di confronto permanente, tengono banco prestazioni aggiuntive e sostituzione automediche con ambulanze attrezzate

redazione 1 mese fa

Demedicalizzazione 118, Piazza: ‘Nessuna risposta dell’Asl, Associazioni sollecitano ancora Mastella’

redazione 1 mese fa

Servizio 118, il Comitato Sos Sanità: ‘Da luglio il SAUT di Vitulano sarà il primo a perdere il medico a bordo’

Dall'autore

redazione 42 minuti fa

“Nel mondo c’è voglia di pace e di integrazione”: è il messaggio lanciato in chiusura del “Telesia for Peoples” 2024

redazione 1 ora fa

Benevento, inadempienze amministrative: sospesa attività per circolo a Pacevecchia. Controlli antidroga: denuncia e segnalazioni

redazione 1 ora fa

Sannio, in arrivo il maltempo: da oggi pomeriggio a tarda sera temporali improvvisi e intensi

redazione 2 ore fa

BCT Music, c’è il piano traffico per i concerti: parcheggio al Gaveli, ma non ci saranno le navette

Primo piano

redazione 1 ora fa

Benevento, inadempienze amministrative: sospesa attività per circolo a Pacevecchia. Controlli antidroga: denuncia e segnalazioni

redazione 1 ora fa

Sannio, in arrivo il maltempo: da oggi pomeriggio a tarda sera temporali improvvisi e intensi

redazione 2 ore fa

BCT Music, c’è il piano traffico per i concerti: parcheggio al Gaveli, ma non ci saranno le navette

redazione 3 ore fa

Don Nicola Gagliarde festeggia 25 anni di sacerdozio: gli auguri di Cacciano e del Pd di Reino

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content