fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Generica

Pubblico impiego: qual è lo stato d’arte e cosa cambierà nei prossimi anni

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Quali saranno i livelli occupazionali del settore pubblico nei prossimi quattro anni? A questa domanda ha dato risposta un report stilato da Excelsior per UnionCamere, che mette in evidenza quanto avverrà in un settore, come quello pubblico, dove lavorano attualmente oltre tre milioni di cittadini italiani.

Il primo dato che emerge da questo report, pone in evidenza che il pubblico impiego – nel quadriennio 2024-2028 – farà registrare un turnover per circa 65000 unità, al quale, poi, si accompagneranno 676000 assunzioni a fronte di un numero analogo di uscite per pensionamento.

Pubblico impiego: necessità di turnover e nuove assunzioni a fronte dei pensionamenti

La sostituzione del personale in uscita dal mercato del lavoro, causata principalmente dai pensionamenti, rappresenta una parte significativa del fabbisogno occupazionale, stimato intorno a 2,7 milioni di unità nel periodo 2023-2027. Questo fenomeno è decisamente significativo nel settore pubblico, dove costituisce oltre il 90% del fabbisogno complessivo.

Il settore che avrà un ruolo centrale nelle necessità di sostituzione, è quello dei servizi, con oltre due milioni di lavoratori coinvolti. L’impatto, per quanto ovvio, si riverbera anche nella pubblica amministrazione e sul funzionamento degli uffici pubblici, della pubblica sicurezza, della sanità e dell’istruzione.

La pubblica amministrazione, quindi, è chiamata a investire nel reclutamento e nella formazione del personale pubblico per garantire il corretto funzionamento della “macchina pubblica”, che negli ultimi anni, complici anche i tagli effettuati nel corso degli ultimi cinque lustri, ha visto ridurre sensibilmente il numero dei lavoratori, offrendo, in alcuni casi, una minor qualità dei servizi al cittadino.

D’altro canto, il rapporto tra turnover e stock di occupati mette in luce un invecchiamento dei lavoratori del settore pubblico. Ed evidenzia quanto sia importante, necessario e, non ulteriormente rimandabile, rinnovare il personale nella pubblica amministrazione per affrontare le sfide dei giorni nostri e, soprattutto, quelle del futuro, dato che il numero di lavoratori in quiescenza del settore pubblico è destinato, inevitabilmente, ad aumentare.

Guardando al mondo del lavoro in senso lato, si evidenza, per quanto concerne i fabbisogni occupazionali, la richiesta di figure qualificate e ad elevata specializzazione, con una spiccata necessità di reperire personale con competenze digitali e tecnologici, fattori indispensabili in un mercato del lavoro, come l’attuale, che cambia repentinamente.

 

La pubblica amministrazione inverte il trend ed è alla ricerca di personale in svariati settori

L’incremento del personale del settore pubblico, trend già in essere – seppur con numeri contenuti – nel corso dell’ultimo biennio, coinvolgerà svariati settori della pubblica amministrazione, ma si concentrerà, prevalentemente, nei servizi generali e nell’assistenza sociale, oltre che nell’istruzione e nella sanità.

I summenzionati settori, d’altronde, sono stati quelli maggiormente impattati dalla “spending review” che si è abbattuta sul pubblico impiego negli scorsi lustri, che in molti casi hanno causato una forte insoddisfazione del cittadino nella fruizione dei servizi offerti dalla pubblica amministrazione.

Cresceranno, di conseguenza, le opportunità di impiego per i giovani anche nel settore pubblico, che necessita di uno “svecchiamento” del personale e, soprattutto, di persone qualificate e preparate, che abbiano alle spalle un virtuoso percorso di studi e dispongono della giusta mentalità per ricoprire un posto che richiede dedizione e serietà, oltre che una costante formazione per restare aggiornati sulle novità normative.

La richiesta di “forza lavoro” da parte della pubblica amministrazione è del tutto evidente se guardiamo al numero dei concorsi pubblici, cresciuti esponenzialmente nel corso dell’ultimo triennio, che mirano a offrire importanti opportunità professionali per chi desidera trovare impiego nel settore pubblico.

La necessità da parte degli enti pubblici di assumere personale qualificato, è testimoniato non solo dall’elevato numero di concorsi pubblici, ma anche dal numero di posti vacanti per alcune posizioni “qualificate”, come quelle, a titolo esemplificativo, collegate direttamente ai ruoli previsti dai progetti collegati al PNRR.

Annuncio

Correlati

redazione 3 settimane fa

Cappa rotta, caldo nella mensa del San Pio: la denuncia della Flaica Cub

redazione 3 settimane fa

Offerte di lavoro a Benevento: Sidertecno cerca 𝗧𝗲𝗰𝗻𝗶𝗰𝗼 𝗗𝗶𝗺𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗣𝗿𝗼𝗺𝗼𝘁𝗲𝗿 (𝙏𝘿𝙋)

redazione 1 mese fa

Irpinia e Sannio, dati Excelsior: 3.600 assunzioni pianificate dalle PMI nel mese di giugno

redazione 1 mese fa

Telese Terme, 31 persone da avviare al lavoro con il Progetto GOL

Dall'autore

redazione 8 ore fa

Sanità, Lonardo (FI) attacca De Luca e Mastella: ‘Presto class action contro di loro’

redazione 8 ore fa

Vitulano, lutto cittadino per la scomparsa del vice sindaco Daniela De Maria. Scarinzi: ‘Perdiamo un fiore raro’

redazione 9 ore fa

Valzer di dirigenti scolastici a Benevento e nel Sannio: Marro all’Industriale, Falzarano alla Sant’Angelo a Sasso, Melillo alla Pascoli

redazione 9 ore fa

Mastella: “Boom di nascite all’ospedale San Pio: bel segnale di speranza che induce ottimismo”

Primo piano

redazione 8 ore fa

Vitulano, lutto cittadino per la scomparsa del vice sindaco Daniela De Maria. Scarinzi: ‘Perdiamo un fiore raro’

redazione 9 ore fa

Valzer di dirigenti scolastici a Benevento e nel Sannio: Marro all’Industriale, Falzarano alla Sant’Angelo a Sasso, Melillo alla Pascoli

redazione 9 ore fa

Mastella: “Boom di nascite all’ospedale San Pio: bel segnale di speranza che induce ottimismo”

redazione 10 ore fa

Il Conservatorio di Benevento Istituisce i Corsi Liberi Speciali AFAM per Giovani Talenti

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content