fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Comune di Benevento

Lapidarium e Casa di Jonas, De Stasio: “Prosegue la storia delle opere a metà”

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

“Dopo due anni dal suo insediamento, questa Amministrazione si è senza dubbio caratterizzata per un cospicuo “taglio di nastri” e per inaugurazioni di opere “non complete” o spesso “inutili”. 

Comincia così la nota stampa di Rosetta De Stasio, consigliere comunale di ‘Prima Benevento’. Che scrive:

“Ai giardini di Palazzo Mosti (ancora privi di ascensore, videocamere di sorveglianza e privi della possibilità di utilizzazione nei giorni festivi ed in orario serale), all’Hortus Conclusus (attualmente “chiuso”), si aggiunge la famosa “teca” o “lapidarium” da ubicare a fianco dell’Arco di Traiano nella quale avrebbero dovuto essere esposti alcuni importanti reperti rispetto ai quali la Soprintendenza ha opposto il rifiuto (per cui non è dato sapere a cosa servirà e perché), e la “Casa di Jonas” che avrebbe dovuto essere un presidio per l’assistenza socio-assistenziale ed ospitare al piano terra un reparto di neuropsichiatria infantile, al primo piano un ambulatorio pediatrico, ed al secondo piano un centro diurno per anziani con particolare riguardo ai malati di alzhaimer.

Anche tale opera risulta non completa, visto che è stato realizzato solo il piano terra, mentre per gli altri due livelli esiste solo lo scheletro esterno. Come in altre occasione, anche in tal caso si apprende, dopo le numerose “dichiarazioni trionfalistiche” da parte dell’Amministrazione, che “non è possibile ospitare nella struttura i malati di alzhaimer” poiché l’ASL ha comunicato, dopo avere garantito nello scorso mese di Luglio l’esistenza nell’organico aziendale delle figure per rendere operativi questi poli di assistenza, che nella nostra provincia non è possibile l’accreditamento di posti per malati di alzhaimer poichè “è già stato raggiunto il tetto massimo previsto”.

In ogni caso, ed a prescindere dall’accreditamento dei posti, va evidenziato che l’opera risulta non terminata, per cui abbiamo un’ulteriore struttura utilizzabile …a metà.

Se a questo si aggiunge l’immobile ubicato a piazza Duomo, abbandonato da anni e totalmente inutilizzabile, Villa dei Papi, inaugurata e poi chiusa, la sistemazione di Piazza Pacca, rispetto alla quale ancora non risulta redatto il progetto definitivo con particolare riferimento al famoso “front office” (del quale si ignorano a tutt’oggi le esatte dimensioni), possiamo senza tema di smentita affermare che a Benevento si dà inizio alle opere ma poi… si lasciano a metà, per anni.

Pur di ottenere contributi e finanziamenti si progettano spesso opere inutili, senza un minimo di coordinamento e di logica, e con la assoluta mancanza di una visione di insieme, presupposto necessario per uno sviluppo armonico ed efficiente della città.

Vogliamo ricordare, ad esempio, la fontana ubicata presso la Stazione in piazza Colonna? Un’opera inutile, oltre che brutta e totalmente avulsa dallo stile architettonico della piazza, che per giunta costituisce un evidente ostacolo alla circolazione. Purtroppo non può essere più eliminata, né può esserne cambiata la destinazione, visto che era stata realizzata con un finanziamento europeo. Ed oggi ci troviamo a fare i conti, nell’ambito del progetto di ristrutturazione della stazione e del piazzale ad essa antistante, con un “mausoleo” che provoca non pochi problemi alla realizzazione del progetto stesso!

Anche all’epoca, evidentemente, pur di ottenere il finanziamento, si realizzò un’opera inutile, costosa e totalmente lontana dalle esigenze funzionali ed architettoniche dell’area di ubicazione.

Del resto quando non si ha una visione di “città”, le conseguenze sono esattamente queste: uno spreco incredibile di denaro a fronte di una serie di opere inutili o comunque inutilizzabili, non complete e totalmente scollegate tra di loro.

Naturalmente non mi fa piacere dover sottolineare questa realtà, perché preferirei mille volte plaudire alle iniziative dell’Amministrazione.

Ma è mio dovere, quale rappresentante dei cittadini, non solo denunziare un modo di procedere non condivisibile, ma anche esercitare una funzione di stimolo che possa portare finalmente ad un’inversione di rotta.

Il mio lavoro nelle commissioni consiliari è finalizzato a questo, e mi auguro che finalmente chi ci amministra comprenda che la redazione e soprattutto la condivisione di “un progetto di città” è ingrediente essenziale per consentire alla nostra Benevento di entrare a pieno titolo nel futuro”.

Annuncio

Correlati

redazione 4 giorni fa

Roulotte e immondizia vicino allo stadio, De Stasio interroga Mastella e Ambrosone: ‘Questione di decoro urbano’

Antonio Corbo 1 settimana fa

Monopattini e bici elettrici, l’attesa prosegue: la Ridemovi si è tirata indietro, si cerca nuova soluzione

redazione 2 settimane fa

Dimissioni in massa dal Forum Giovani, il gruppo Pd: “Segnale scoraggiante”

redazione 4 settimane fa

Tempestività pagamenti nella pubblica amministrazione, Serluca: ‘Dati positivi per il Comune’

Dall'autore

redazione 5 minuti fa

Scuola, a Telese nuovo finanziamento. Caporaso: “Ricostruiremo Scuola dell’Infanzia. Prossimo step gli edifici di elementari e medie”

redazione 2 ore fa

Sannio: week end dal sapore invernale con piogge, vento e neve in montagna

redazione 2 ore fa

Sicurezza urbana nel Sannio: ok ai progetti per la videosorveglianza in 35 comuni

redazione 3 ore fa

L’economista Becchetti a Benevento: “Il Piano B si fonda sul ruolo di leadership della società civile”

Primo piano

Antonio Corbo 1 ora fa

Ospedale Sant’Agata de’ Goti, i sindaci ci sono ma la Morgante no: “Mancanza di rispetto, o ci riceve o andiamo noi al ‘San Pio’ con le fasce”

redazione 2 ore fa

Sannio: week end dal sapore invernale con piogge, vento e neve in montagna

redazione 2 ore fa

Sicurezza urbana nel Sannio: ok ai progetti per la videosorveglianza in 35 comuni

Christian Frattasi 2 ore fa

A Benevento inaugurata CampaniAlleva: è la più grande fiera zootecnica del Sud Italia

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content