fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Opinioni

Ricchezza e Povertà

Per questa destra garantire la dignità ai poveri di questo Paese con un sussidio vuol dire comprarne il consenso. Premiare gli evasori, abbattere la tassazione sui redditi più alti percorrendo la strada della tassa piatta, favorire la precarietà del lavoro, vuol dire, invece, operare per la crescita del Paese

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

L’abolizione del Reddito di cittadinanza era in cima alla lista dei propositi di Giorgia Meloni in campagna elettorale, ragione per la quale nessuno può dirsi sorpreso per la decisione assunta dal governo. La sorpresa, tutt’al più, sta proprio nel fatto questa è l’unica promessa elettorale mantenuta dall’esecutivo patriota nel corso di questi primi dieci mesi. Insomma, non eravamo abituati.

Si dirà che la sorpresa non sta tanto nell’abolizione dello strumento ma nella brutalità con la quale il governo ha agito, tagliando il sussidio alla grande maggioranza dei percettori con un gelido sms senza aver nemmeno predisposto, nei tempi necessari, una mappatura del disagio e gli ammortizzatori sociali funzionali a garantire la pace sociale, scaricando il costo di questa decisione sulle gracili spalle delle amministrazioni comunali. Nemmeno questa, a ben vedere, è una verità.

Questa brutalità non è semplicemente figlia dell’improvvisazione e dell’incompetenza. E’, piuttosto, figlia di una visione di mondo e di società secondo cui la povertà è una devianza al pari dell’omosessualità o dell’anoressia, una visione di mondo e di società che non contempla la persona, che non contempla il diritto alla dignità. Una visione darwinistica in ragione della quale l’ordine è determinato dalla legge del più forte, ovvero del più ricco. Una visione secondo cui quei cittadini sono colpevoli della propria fragilità, hanno la colpa di essere quel che sono, sono poveri che meritano di esserlo, che non vanno accompagnati e sostenuti ma vanno, appunto, condannati alla solitudine e puniti.

Una destra sociale e legalitaria avrebbe agito in senso diametralmente opposto. Sarebbe intervenuta per ridefinire completamente un impianto normativo scritto con i piedi, per correggere le storture, per rendere efficienti e capillari i controlli. Una destra sociale e legalitaria non avrebbe nemmeno discusso sulla necessità di confermare un sussidio che ha garantito dignità a milioni di cittadini, sottraendo manovalanza ai poteri criminali, avrebbe tutt’al più programmato ingenti investimenti per riorganizzare i centri per l’impiego e, contestualmente, sarebbe intervenuta sui salari, avrebbe affrontato con risolutezza e determinazione il tema dello sfruttamento e del lavoro povero.

Questa è una destra di potere, forte con i deboli e debole con i forti. Una destra che fa i condoni, premia gli evasori, ignora l’esistenza di 4 milioni di lavoratori poveri e nega il salario minimo, è la destra che vuole spaccare l’Italia, che cancella il Sud dal Pnrr e che, ovviamente, abolisce il reddito di cittadinanza per porre fine al cortocircuito clientelare congeniato dai Cinque Stelle di governo.

Già, per questa destra il reddito di cittadinanza è clientela di Stato e la dimostrazione sarebbe da ricercare nelle percentuali ottenute dal Movimento Cinque Stelle nelle regioni del Mezzogiorno, dove si registrava la grande maggioranza dei percettori. Ma lo stesso principio, evidentemente, non vale per la delega fiscale appena approvata che straccia il patto sociale, non vale per la Flat tax, per i condoni e per il decreto lavoro, non vale per la guerra al pizzo di Stato.

Garantire la dignità ai poveri di questo Paese con un sussidio vuol dire comprarne il consenso. Premiare gli evasori, abbattere la tassazione sui redditi più alti percorrendo la strada della tassa piatta, favorire la precarietà del lavoro, vuol dire, invece, operare per la crescita del Paese.

Annuncio

Correlati

redazione 7 mesi fa

Fortore, dichiarano il falso e percepiscono reddito di cittadinanza: denunciate due persone

redazione 7 mesi fa

Stop al reddito di cittadinanza, Civico22: ‘La città si unisca. Comune attivi tavolo di concertazione con parti sociali’

redazione 7 mesi fa

Pnrr e reddito, Fioretti (Pd): “Scelte governo sono a danno del Sud”

redazione 7 mesi fa

Fine Rdc, Mastella: “Sbagliato esporre i Comuni a inutili assalti”

Dall'autore

Marco Staglianò 2 giorni fa

De Luca s’è preso il Paese e ha già messo in crisi il governo

Marco Staglianò 1 settimana fa

Clemente Mastella può passare al contrattacco

Marco Staglianò 3 settimane fa

Tutti figli di Calderoli

Marco Staglianò 1 mese fa

Il segretario della Lega è venuto nel Sannio a fare campagna acquisti. Del Ministro delle Infrastrutture nessuna notizia

Primo piano

redazione 53 minuti fa

Riorganizzazione 118, l’Ordine dei Medici: ‘Nostra priorità è salute delle persone’

redazione 2 ore fa

Controlli in Valle Telesina e Tammaro: sanzioni ad automobilisti, perquisizioni e segnalazioni per droga

redazione 2 ore fa

Tragico incidente stradale nel Foggiano: muore studentessa sannita di 20 anni

redazione 3 ore fa

Sequestro Sanav, Mastella: “Comune ha fatto il suo dovere, contento del provvedimento della Procura”

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content