Home POLITICA Emendamento del senatore Matera: agevolazioni fiscali per le aziende del Sud

Emendamento del senatore Matera: agevolazioni fiscali per le aziende del Sud

Prorogare le agevolazioni fiscali per le imprese del Sud al fine di favorire gli investimenti. E’ questa la “ratio” che ha portato il senatore sannita di Fratelli d’Italia, Domenico Matera, a farsi promotore, come primo firmatario, di un emendamento (il numero 14.0.3) al decreto Aiuti-Quater.

La proposta emendativa mira a spostare al 31 Dicembre 2023 il credito d’imposta (ora come ora fissato al 45%) per l’acquisto di beni strumentali da parte delle aziende del Mezzogiorno, altrimenti in scadenza al 31 Dicembre di quest’anno. “Fratelli d’Italia – spiega Matera – lancia un messaggio chiaro: prorogare le agevolazioni fiscali per gli investimenti nel Sud Italia. Andrà definita la giusta strategia da intraprendere per l’approvazione della misura, in base alle esigenze tecniche di cui necessita il ministero dell’Economia: anticipare l’intervento nel dl Aiuti Quater all’esame del Senato oppure nella legge di Bilancio.

Qualsiasi sia la scelta, noi di Fratelli d’Italia intendiamo sostenere economicamente lo sviluppo imprenditoriale del Sud Italia”.
Tale importante soluzione, come da dati disponibili, va ad incentivare l’avvio di nuove attività nonchè l’espansione di quelle già esistenti con ovvi conseguenti benefici in termini occupazionali e di maggiore gettito. Una concreta spinta, un concreto supporto alle aziende del Sud che ripartono dopo le dure difficoltà legate all’emergenza pandemica.

Alla possibilità di rifinanziare l’agevolazione hanno fatto accenno sia il Ministro del Made in Italy, Adolfo Urso, a margine della Festa Tricolore in corso a Catania, sia il Ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti in audizione alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla Manovra.

Articolo precedenteA Benevento l’iniziativa ‘Facciamo un pacco alla Camorra’: la pace come tema dell’edizione 2022
Articolo successivoLombardi: ‘No al ridimensionamento dell’autonomia scolastica nelle aree interne’. Se ne parlerà in Consiglio Provinciale