fbpx
Connettiti con noi
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio
Annuncio

Featured

Elezioni, Mastella commenta l’accordo Pd-Azione: “Nel Sannio possiamo dire la nostra”

Pubblicato

su

Ascolta la lettura dell'articolo

Da viandante a guastatore. E’ la nuova linea del sindaco di Benevento e leader di Noi di Centro, Clemente Mastella, in vista delle prossime elezioni politiche del 25 settembre. Dopo l’accordo tra Pd e Azione e il conseguente stop all’intesa di un ‘campo largo’, il primo cittadino sannita risistema le fila del suo ‘manipolo’ – come lui stesso lo ha definito in una recente nota stampa – e guarda soprattutto ai collegi campani dove il suo partito ha diverse cartucce da sparare. “Il mio slogan sarà il partito del Sannio per il Sannio”, ha detto in una intervista rilasciata ad Ntr24.

“Non romperemo solo le uova nel paniere elettorale della nazione – ha spiegato -. Qui (in Campania ndr) caratterizziamo una presenza seria. Ci presentiamo sia nel proporzionale che nel maggioritario in Campania, Puglia, Basilicata e, forse, anche in Calabria. Il nostro orgoglio è quello di essere eredi della tradizione delle aree interne che vengono sempre trascurate”.

Poi, Mastella è passato ad analizzare l’alleanza Pd-Azione: “Calenda ha ottenuto un risultato straordinario con il 30% dei seggi – ha sottolineato -. Il Pd ci ha perso, ma perderà soprattutto a sinistra e questa scelta farà crescere l’area di influenza del M5s. Chiunque è al centro è nostro alleato, ma per quanto mi riguarda possiamo anche andare da soli. Noi abbiamo il presidente della Provincia e il Comune e possiamo anche restare nel nostro fortilizio a guardare gli altri”.

Ma Mastella non è certo il tipo di politico che ama restare in disparte a guardare e così la diplomazia è al lavoro anche con Italia Viva: “Credo che un accordo sia auspicabile più per loro che per noi. Chi pensa che Mastella sia disperato, sbaglia. Io sono tranquillo e continuo a pensare a Benevento. A breve, inoltre, presenterò un paio di iniziative per rendere la città ancora più attrattiva”.

Infine, una analisi sui sondaggi e sull’avanzata del centrodestra: “L’unica volta che si è vinto è stato il 2006 quando c’ero io da un lato e Bertinotti dall’altro. Le rotture non abilitano le vittorie del centrosinistra. C’è un 42% di indecisi che, probabilmente, non andranno a votare. Detto questo, rispetto ad un campo largo che non c’è il vantaggio del centrodestra è evidente sul piano dei sondaggi”.

Annuncio

Correlati

redazione 2 giorni fa

Benevento, colloquio tra Mastella e il presidente Eav su stato lavori riguardanti le infrastrutture ferroviarie

redazione 3 giorni fa

“Zitto a chi sape ‘o juoco”

redazione 4 giorni fa

Mastella-Martusciello e un matrimonio che non s’ha da fare: il botta e risposta sui social

redazione 4 giorni fa

Mastella: “Nessuna virata verso Forza Italia. Non inseguo bandiere purchessia: non chiedo, piuttosto sono richiesto”

Dall'autore

redazione 5 ore fa

San Bartolomeo in Galdo, l’omaggio del Consiglio ad Aleksej Navalny: istituita anche una borsa di studio sulla libertà

redazione 5 ore fa

Raddoppio Telesina, Anas consegna progettazione esecutiva del 1° lotto: avvio dei lavori ad autunno 2024

redazione 6 ore fa

Rocca dei Rettori, programmate aperture straordinarie a Pasquetta e nei week end festivi da aprile a giugno

redazione 7 ore fa

Demedicalizzazione ambulanze, ad Apice l’opposizione chiede consiglio comunale aperto

Primo piano

redazione 5 ore fa

San Bartolomeo in Galdo, l’omaggio del Consiglio ad Aleksej Navalny: istituita anche una borsa di studio sulla libertà

redazione 5 ore fa

Raddoppio Telesina, Anas consegna progettazione esecutiva del 1° lotto: avvio dei lavori ad autunno 2024

redazione 6 ore fa

Rocca dei Rettori, programmate aperture straordinarie a Pasquetta e nei week end festivi da aprile a giugno

redazione 7 ore fa

Piogge e temporali in arrivo: domani allerta meteo ‘Gialla’ anche nel Sannio

Copyright © 2023 Intelligentia S.r.l.

Skip to content