Home SANNIO Eolico a San Lupo, il sindaco di Cerreto Sannita difende scelta di...

Eolico a San Lupo, il sindaco di Cerreto Sannita difende scelta di autorizzare transito mezzi

Il sindaco di Cerreto Sannita, Giovanni Parente, interviene a difesa della decisione della giunta municipale di autorizzare il transito – su alcune strade comunali – degli automezzi funzionali alla costruzione del Parco eolico a San Lupo.

«Bisogna preliminarmente sgomberare il campo – scrive – da un’ambiguità di fondo: la costruzione del parco eolico a San Lupo non riguarda il territorio di Cerreto Sannita, né poteva essere impedita in nessun modo dagli organi rappresentativi della comunità cerretese. Si tratta, infatti, di opere di pubblica utilità, indifferibili e urgenti, autorizzate dalla Regione Campania.

Ciò premesso, rivendico con convinzione la decisione di autorizzare il transito sul territorio comunale degli automezzi di cantiere delle ditte che stanno costruendo in questi giorni l’impianto – in deroga ai limiti di massa sulle strade comunali previsti dal codice della strada – per le seguenti ragioni.

In primo luogo, si tratta di un lasso di tempo limitato – i lavori dovranno terminare entro il 30 settembre 2019. In secondo luogo, si tratta di strade ben identificate e periferiche: Serre Monte Coppe, Monte Coppe, strada vicinale Sant’Angelo n.1, strada per Pontelandolfo per circa un km. In terzo luogo, si tratta di automezzi già identificati per targa e modelli. La polizia municipale ha più volte effettuato puntuali controlli ed ha verbalizzato la regolarità dei mezzi e dei materiali trasportati.

A fronte di tale impercettibile sacrificio, – prosegue il primo cittadino – ci è sembrata un’opportunità e non una sciagura la possibilità di conseguire la cospicua somma di 80mila euro. Tale somma di denaro sarà utilizzata per opere di pubblico interesse in via di definizione. I primi 10mila euro, già incassati dal Comune, sono stati utilizzati per il cofinanziamento del progetto “Decori e sapori d’autunno – 3ª edizione – Le domeniche dell’olio”.

Il catastrofismo veicolato da alcuni maestri del sospetto, e in particolare dall’associazione ambientalista “Fronte Sannita della Montagna”, – conclude Parente – sa tanto di procurato allarme ed è del tutto fuori luogo. L’impianto – come si vede percorrendo la SS Telesina – è in corso di realizzazione, i mezzi stanno lavorando senza generare problemi né di viabilità né di tipo ambientale. È proprio il caso di dire: tanto rumore per nulla». 

Articolo precedentePrimarie Pd, Principe: “Votare Del Basso De Caro servirà a rafforzare il territorio sannita”
Articolo successivoRichetti a Benevento: “Pd, ritroviamo l’unità”. In Campania sostegno a Del Basso De Caro