Home SOCIETA' Scuola Eduscopio, il liceo ‘Rummo’ si conferma al top. Occupazione: a Durazzano il...

Eduscopio, il liceo ‘Rummo’ si conferma al top. Occupazione: a Durazzano il miglior istituto

Il Liceo Scientifico “Rummo” di Benevento si conferma il primo istituto scolastico del Sannio per preparare i ragazzi all’Università. L’istituto che garantisce la migliore possibilità di occupazione dopo i cinque anni di studio è invece il paritario “Artusi-Dinacol” di Durazzano con il 52% di ragazzi che trovano un lavoro al termine del percorso. A stabilirlo sono i dati diffusi dalla Fondazione Agnelli e pubblicati sul portale Eduscopio.

L’analisi si propone di aiutare gli studenti e le loro famiglie nel momento della scelta della scuola dopo la terza media. Il progetto è diventato in questi anni un riferimento per le famiglie e per le stesse scuole come dimostrano gli oltre 1,8 milioni di utenti unici che hanno a oggi visitato il portale, con 8,7 milioni di pagine consultate.

Secondo lo studio, continua a crescere, anche se il periodo considerato è quello pre Covid, la possibilità di trovare lavoro per chi frequenta gli istituti tecnici (per l’indirizzo economico e tecnologico sale dal 48 al 49.59%), mentre per chi sceglie di andare all’università aiuta di più avere frequentato una scuola che non attua una severa politica di selezione e scrematura.

Come di consueto – per la scelta degli atenei – l’analisi si basa sull’indice FGA che unisce la media dei voti degli studenti con i crediti ottenuti all’Università. Il “Rummo” ottiene il risultato migliore in assoluto con un punteggio di 81.43 su 100. Lo scientifico del capoluogo si conferma anche un bacino importante per l’Unisannio – che vanta dipartimenti di eccellenza nell’ambito scientifico e tecnico – con il 37% dei ragazzi che sceglie di immatricolarsi nell’ateneo locale.

Restando nel settore scientifico, al secondo posto si piazza il “De’ Liguori” di Sant’Agata de’ Goti con un indice di 80.97 e poi il Telesi@ di Telese Terme con 71.15.

Per quanto riguarda i licei classici, invece, al primo posto c’è il “Virgilio” con un indice di 70.7, segue il “De La Salle” di Benevento con 67.87 e terzi a pari merito il “Giannone” e il “Telesi@” con il 67.67.

Per il linguistico primo posto per il “Guacci” che ha l’indice FGA di 67.48, seconda piazza per il “Fermi” di Montesarchio con 56.44 e terzo il “Telesi@” con 52.22.

Per il settore tecnico, infine, nel campo economico primeggia il “De’ Liguori” con un indice di 53.64 e in quello tecnologico il “Galilei-Vetrone” con il 48.46.

Per quanto riguarda l’accesso al mercato del lavoro al termine degli studi, come già anticipato, si piazza al primo posto assoluto l’istituto paritario Artusi-Dinacol di Durazzano. Nella sua categoria – quella dei servizi – al secondo posto c’è il “Polo” di Benevento con il 50% di placement e terzo l’Aldo Moro di Montesarchio con il 41.67%. Giù in classifica “Le Streghe” che ottiene solo 36.43%.

Nel comparto tecnico-economico primeggia il ‘Don Peppino Diana’ di Circello con il 39,47% di occupati, seguito dall’Alberti di Benevento al 36.92% e dal Lombardi di Airola al 34.38%.

Nel campo tecnico-tecnologico al primo posto il ‘Montessori’ di Montesarchio con il 43.75% seguono il Lucarelli e il Virgilio di Foglianise con il 39.99 e il 33.34%.

Infine, nel settore professionale-industria-artigianato il primato di occupati è del ‘Palmieri’ con il 41.1% seguito dal ‘Lombardi’ di Airola 36.36% e il Telesi@ al 28.57%.

Articolo precedenteAirola, l’IIS ‘Lombardi’ sarà primo istituto a offrire lo studio dell’archeologia del Sannio
Articolo successivoSannio, banda di ladri in fuga nella notte: recuperati arnesi e auto rubate